Home / Salute e bellezza / Salute / Elettrostimolatore / Il migliore elettrostimolatore Tesmed del 2018

Il migliore elettrostimolatore Tesmed del 2018

Che tu sia un esperto o che tu sia un neofita nel campo dell‘elettrostimolazione, sicuramente alla parola ”elettrostimolatore” associ anche la marca ”Tesmed”.

 

Questa è in effetti una marca molto conosciuta in questo settore, e pubblicizzata da diversi anni anche in televisione. Negli anni ovviamente i prodotti si sono rinnovati, nel design ma soprattutto nelle tecnologie, ed in questo articolo analizzeremo da più vicino i migliori elettrostimolatori Tesmed ora in commercio.

Ecco quelli scelti da noi:

Tesmed MAX 830: top gamma!

Uno degli elettrostimolatori in assoluto più acquistati e approvati del web, eccone le caratteristiche:

  • ha 4 canali;
  • presenta 99 programmi, di cui 20 personalizzabili (ossia modificabili nella durata e nell’intensità);
  • propone anche 5 programmi WAIMS-SYSTEM, ovvero le stimolazioni sequenziali brevettate: esse sono indicate nello specifico per trattamenti rilassanti e linfodrenanti, e per recuperi e dafaticamenti;
  • per l’estetica ci sono ben 90 programmi dedicati ad ogni parte del corpo: rassodamento, massaggio anti cellulite, drenaggio, definizione muscolare;
  • agli sportivi sono dedicati 80 programmi, tra cui molti di training pensato nello specifico per discipline come calcio, tennis, sci, ciclismo, nuoto, basket e corsa.
  • presenta la tecnologia TMS: nessuna scocciatura per l’utilizzatore, non serve posizionare l’elettrodo stando attenti a polo positivo o negativo;
  • nella confezione sono compresi 20 elettrodi: 8 elettrodi 50x50mm + 8 elettrodi 50x100mm + 4 elettrodi 70x120mm  (questi ultimi adatti al trattamento di ogni zona);
  • nel kit d’acquisto è compreso un esaustivo manuale d’istruzioni, che comprende anche delle immagini da cui prendere spunto per un corretto ed efficace posizionamento degli elettrodi;
  • la batteria è ricaricabile: nessun pensiero di dover cambiare le pile!
  • Display lcd retroilluminato, che rende l’utilizzo del dispositivo rapido ed intuitivo;
  • garantisce l’utilizzo per 2000 applicazioni prima di dover cambiare gli elettrodi (facilmente reperibili su Amazon).

 

Il prezzo di questo elettrostimolatore è sicuramente importante, ma giustificato dalle sue alte prestazioni, che lo rendono un prodotto adatto all’utilizzo anche in campo professionale.

Cintura EXTRA BELT: pensata per i tuoi addominali

 

Naturalmente una marca come Tesmed, specializzata proprio nel campo dell’elettrostimolazione, non poteva non produrre una cintura addominale.

Le sue caratteristiche principali sono le seguenti:

  • presenta 2 elettrodi grandi specifici per aderire al meglio nella zona dei muscoli addominali frontali;
  • non è necessario alcun gel per l’applicazione degli elettrodi;
  • nel kit d’acquisto sono compresi anche 2 elettrodi di ricambio uguali ai primi;
  • ha 8 programmi di allenamento specifici per muscoli addominali;
  • ha un timer preimpostato di 30minuti;
  • presenta 10 livelli di intensità;
  • la cintura è regolabile con chiusura a strappo ed è comodamente lavabile a mano;
  • funziona con 2 batterie AA (incluse nel kit);
  • il manuale d’uso è esaustivo, e comprende anche uno schema di proposta di allenamento;
  • il prezzo è nella media con le altre cinture addominali valide presenti sul mercato.

 

Tesmed TesmeDol: meno dolori, senza farmaci

Partiamo dal presupposto che in presenza di dolori importanti è sempre il caso di farsi visitare da un medico: una volta che quest’ultimo dà il suo consenso per l’utilizzo di un elettrostimolatore (o meglio, quando ci dice che non ha controindicazioni per il nostro fisico), ecco che questo TesmeDol può essere di nostro aiuto.

Ecco le sue caratteristiche principali:

  • ha 2 canali indipendenti;
  • presenta 6 programmi differenti;
  • ha 4 elettrodi in dotazione;
  • è indicato per dare un rapido sollievo in caso di:
    • lombalgie;
    • cervicali e colpi di frusta;
    • tendiniti;
    • distorsioni;
    • tunnel carpale;
    • traumi generali;
    • dolori muscolari o cronici;
    • riabilitazione;
  • i trattamenti proposti sono di tipo TENS, che rendono il dispositivo una valida alternativa ai farmaci antidolorifici;
  • nel manuale d’uso sono contenute delle immagini che indicano precisamente dove applicare gli elettrodi, a seconda della zona da trattare e del dolore riscontrato;
  • ha un display lcd di facile utilizzo;
  • funziona con 2 batterie AA, incluse nel kit d’acquisto.

Il prezzo è abbastanza elevato rispetto al numero di programmi che propone e rispetto ad altri dispositivi, ma teniamo presente che in questo caso si tratta di un vero e proprio dispositivo medico.

Come scegliere l’elettrostimolatore Tesmed

Quando parliamo di Tesmed, ci riferiamo ad un’azienda che da 15 anni è specializzata nell’elettrostimolazione.

Presente nelle farmacie da 9 anni, vende elettrostimolatori a clienti abituali in paesi come Italia, Spagna, Francia, Australia, Stati Uniti.

Divenuto leader mondiale nel campo dell’elettrostimolazione, con un rapporto qualità/prezzo molto competitivo, Tesmed presenta numerosi modelli di elettrostimolatori, e ricambi di elettrodi sempre reperibili tramite Amazon.

Non dimentichiamo, inoltre, che Tesmed pone l’accento proprio sull’importanza dell’elettrostimolazione come recupero mirato o come alternativa terapia del dolore (sempre seguendo i consigli del proprio medico); viene sottolineato, però,  anche l’importante sostegno che essa rappresenta dal punto di vista estetico. Sul sito dell’azienda potete trovare testimonianze  dell’efficacia clinicamente testata dei dispositivi Tesmed.

Ma tra i tanti elettrostimolatori, come scegliere il più adatto alle proprie esigenze?

Per scegliere in maniera più adeguata possibile, ecco qualche caratteristica da tenere a mente per trovare il dispositivo che fa al caso nostro.

Scopo d’utilizzo

Gli elettrostimolatori Tesmed sono ben distinti in categorie in base all’uso che ne andrai a fare.

Come abbiamo visto, esistono:

  • cinture addominali, quindi specifiche per il rassodamento di tali muscoli;
  • elettrostimolatori con numerosi elettrodi liberi: adatti quindi all’utilizzo su più parti del corpo;
  • elettrostimolatori per la cura del dolore: quindi specifici per massaggi che donino sollievo, stimolando i muscoli in maniera leggera e mirata, in modo diverso rispetto a come farebbe un elettrostimolatore per tonificare il muscolo;

Esistono comunque in commercio diversi elettrostimolatori che riescono ad unire tutti questi trattamenti mirati. In questo caso, però, il prezzo aumenta notevolmente, in relazione anche alla qualità del dispositivo proposto.

Se già in partenza sai che utilizzerai l’elettrostimolatore per uno scopo ben specifico, cerca di concentrarti su questo aspetto: spesso (ma non sempre!) un dispositivo che agisce in modo mirato, è più valido di uno che ricopre tutte le aree di trattamento.

Portabilità

Esistono diversi elettrostimolatori facilmente ”camuffabili” sotto l’abbigliamento: in questo caso potrai utilizzarli anche in palestra, per esempio, o durante una camminata, senza dare nell’occhio!

Se invece siete più propensi all’utilizzo in casa, andrà bene anche un elettrostimolatore meno ”invisibile”!

Alimentazione

Per quanto sia semplice cambiare le pile classiche come AAA o AA, non dimentichiamo che spesso in casa un ricambio per queste non lo abbiamo! Ecco che entra in gioco la comodità di avere un dispositivo con batteria a litio, facilmente ricaricabile tramite corrente.

Non sottovalutiamo neanche il costo elevato che ha la sostituzione di pile classiche, soprattutto se contate di utilizzare il vostro elettrostimolatore in maniera costante e, perchè no, quotidiana!

Semplicità d’uso

Siete pratici nell’utilizzo di dispositivi come gli elettrostimolatori? No?

Ci sono in commercio numerosi dispositivi con display semplificati, con luci che indicano il programma selezionato, piuttosto che l’avanzamento di quest’ultimo.

State attenti anche al manuale d’uso: in questi dispositivi è di fondamentale importanza. Preferite, se possibile, un manuale che vi indichi anche con immagini il giusto posizionamento degli elettrodi, a seconda della zona da trattare.

Numero e forma degli elettrodi

Nella scelta dell’elettrostimolatore, non dimenticate di scegliere quello con il numero e la forma di elettrodi migliore per voi, in relazione alla zona del corpo in cui andrete ad effettuare il trattamento.

Se acquistate il dispositivo con l’intenzione di usarlo in diverse parti del corpo, state attenti che nella confezione siano contenuti elettrodi di diverse dimensioni: ogni zona del corpo, infatti, richiama forme e grandezze di elettrodi diverse, in modo che venga assicurato un trattamento adeguato.

Programmi predefiniti

Controllate quali programmi contiene il vostro dispositivo: non tanto il numero complessivo, piuttosto se contiene il programma specifico adatto alle vostre esigenze.

Se siete esperti di elettrostimolazione, o se decidete di farvi seguire da uno specialista, la possibilità di impostare programmi in maniera autonoma potrebbe essere un’ottima caratteristica aggiuntiva.

Assicuratevi, inoltre, che vi sia la possibilità di modificare l’intensità del trattamento: le prime volte potrete selezionare l’intensità più bassa, per andare via via aumentando. In questo modo il muscolo verrà abituato al lavoro non in maniera brusca, ma del tutto graduale.