Miglior termometro digitale del 2020

Pratico, veloce e ricco di funzioni aggiuntive: il termometro digitale è ormai un must per molti consumatori, ma è fondamentale individuare il prodotto migliore sul mercato.

  1. Beurer FT 09. Piccolo ed estremamente preciso, ma soprattutto economico, un vero e proprio gioiellino.
  2. Chicco Easy Touch. Un design innovativo e l’alta qualità Chicco rendono questo termometro molto conveniente.
  3. Chicco Termometro Digitale 2 in 1 Dual Comfort. Versatilità e alte prestazioni, per un altro ottimo prodotto firmato Chicco.

Beurer FT 09

Da diversi decenni ormai Beurer è diventato sinonimo di alta qualità per i consumatori di tutta Europa e non solo.

Fra tutti i modelli di dispositivi per la febbre proposti dal brand, è proprio questo termometro digitale a farsi notare fin da subito. Il design ricorda molto i modelli in vetro, quelli che hanno accompagnato l’infanzia di molti di noi. Tuttavia, il suo cuore nasconde un ruggente microchip molto preciso, ideato per rilevare la temperatura corporea di grandi e piccini in pochi secondi.

È ovviamente privo di parti in vetro, e realizzato interamente in plastica rigida. Questo significa che può essere usato in modo sicuro e facile, ma soprattutto che il prezzo finale del prodotto è molto contenuto. È inoltre pratico da disinfettare prima e dopo ogni operazione di misurazione, grazie anche alla sua scocca impermeabile.

L’avvenuta misurazione della febbre viene segnalata da un bip acustico, e la temperatura viene visualizzata sul display digitale. La sonda è flessibile, comoda quindi anche per la misurazione ascellare.

Questo ideato da Beurer è un ottimo termometro digitale, sicuramente fra i migliori attualmente in commercio. Non a caso, sono molti i pediatri che ne consigliano l’utilizzo alle mamme e ai papà sempre in cerca del modo migliore per monitorare la salute dei loro piccoli.


Chicco Easy Touch

Se stai cercando un termometro digitale per il tuo bambino, è ancora una volta Chicco a correre in tuo soccorso. Fra i modelli in catalogo, questo brand offre in particolare questo dispositivo, dalla particolare forma ad ovetto, che anche i più piccini non potranno non apprezzare.

Si tratta poi di un termometro digitale ad infrarossi, quindi non è richiesto il contatto con la pelle del paziente. Bastano poi pochi secondi per ottenere la rilevazione desiderata, la quale viene visualizzata sull’ampio display.

Non manca un pratico segnale acustico, che si attiva automaticamente quando il dispositivo rivela una temperatura superiore a 37,5°C. in questo modo saprai subito se il paziente è a rischio febbre o se ne soffre già, e potrai immediatamente decidere se intervenire. Ovviamente, se hai bisogno di consigli sulla terapia da intraprendere, è sempre bene consultare un medico. Soprattutto nel caso dei bambini più piccoli, l’indicazione della temperatura può dipendere da diversi fattori, ed è quindi importante consultare un pediatra in queste situazioni.

Il termometro è dotato di batteria al litio, la cui durata media è quindi di cinque anni. Il chip al suo interno è potente e sfrutta tutta la tecnologia migliore che un brand di alta qualità come Chicco è riuscito ad implementare nel corso degli anni.

Chicco Termometro Digitale 2 in 1 Dual Comfort

Ancora un altro prodotto Chicco che scala la classifica dei migliori termometri digitali. Questa volta si tratta di un dispositivo dal design più semplice, che si rifà ai classici modelli in vetro. Tuttavia la scocca è realizzata in plastica rigida, ed è quindi pensata per durare a lungo negli anni senza alcun problema, resistendo anche a graffi e urti.

Questo termometro digitale può essere usato in due modalità, cioè rettale o ascellare. I tempi di misurazioni sono molto brevi, e si aggirano intorno ai 15 secondi per la modalità rettale, e 90 secondi per la misurazione rettale.

La sonda presenta una forma anatomica molto curata, e le sue dimensioni ridotte, insieme alla sua flessibilità, consentono una misurazione confortevole e non invasiva per i soggetti di tutte le età. Finalmente un dispositivo versatile ed adatto a tutti, che può essere usato per tenere d’occhio la salute e la temperatura corporea di tutti i membri della tua famiglia.

Il prezzo finale del prodotto tende ad essere un po’ più alto di altre alternative presenti sul mercato, ma considerati i vantaggi derivanti da un brand come Chicco, di sicuro è un investimento che vale la pena affrontare. Si tratta del resto di un dispositivo che ti accompagnerà nel corso degli anni, e che ti aiuterà a prenderti cura del tuo bambino in poco sempre preciso e impeccabile.

Chicco si riconferma un ottimo brand, e non ci stupisce trovare ben due dei suoi prodotti sulla vetta della nostra classifica. Ogni giorno sono molti i consumatori che si affidano ai prodotti di questa nota azienda, conquistati non solo dall’alta qualità delle materie prime usate o dalla tecnologia implementata, ma anche dall’ottimo servizio clienti.

Guida all’acquisto

Scegliere un termometro digitale per prendersi cura di te stesso e dei tuoi cari potrebbe sembrare un’impresa poco facile, data la diversità di modelli disponibili sul mercato.

Per orientarti in modo più preciso e per aiutarti nella scelta, puoi quindi basarti su diversi fattori da tenere in considerazione. Ciò significa che il prezzo finale del dispositivo non dovrebbe essere l’unico valore su cui basarti, per quanto sicuramente anche esso avrà un peso importante sulla tua decisione finale. Quando analizzi quindi il prezzo di un prodotto, è bene chiedersi quali siano le funzioni aggiuntive o gli accessori che possano giustificare quel costo.

Innanzitutto, devi valutare la tipologia di termometro. Questa dovrebbe essere la fase più facile, perché molto probabilmente, dopo un’attenta analisi, hai già scelto di optare per un modello digitale. Segue poi la tipologia di misurazione. I termometri digitali, infatti, hanno il vantaggio di essere molto versatili, e possono essere usati per misurare la temperatura su ascelle, fronte, orecchie e persino tramite misurazione rettale.

Se stai acquistando un termometro digitale da usare per i tuoi bambini, allora è essenziale soffermarsi su dei modelli che offrano delle funzioni dedicate. Sono proprio le funzioni aggiuntive un altro valore da considerare. Esse comprendono luci notturne, spegnimento automatico e persino la possibilità di collegare il tuo termometro al tuo smartphone via Bluetooth.

L’unico limite al numero e alla tipologia di funzioni fra cui scegliere dipenderà ovviamente dal tuo budget. Lo stesso vale per la gamma di accessori, che tende ad essere vasta anche nel caso di un semplice termometro, ma che merita attenzione. Del resto, non è detto che tu abbia davvero bisogno di ogni accessorio disponibile sul mercato, o che tu non possa comprare solo quelli necessari in un secondo momento, quanto ti accorgerai di averne bisogno.

Domande frequenti

Come sono fatti i termometri digitali?

Il termometro digitale è un dispositivo solitamente realizzato in plastica. A caratterizzarli è la presenza di un display, sul quale viene visualizzata la temperatura corporea del paziente.

In genere vi è anche almeno un tasto, che viene usato per resettare il termometro al termine di ogni misurazione. Se il tuo modello dispone di ulteriori funzioni, potrebbero esserci anche altri pulsanti. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo sulle istruzioni del tuo dispositivo.

I termometri digitali sono in genere alimentati da una batteria al litio, la cui vita media è di circa cinque anni. Va sottolineato che questo li rende tendenzialmente più costosi di un modello con batterie a stilo, ma la loro durata è sicuramente una valida motivazione per cui valga la pena investire una somma un po’ più alta.

Come funziona un termometro digitale?

Per rilevare la temperatura corporea di pazienti grandi e piccini, il termometro digitale si serve di un microchip. Esso è stato sviluppato proprio per cogliere tutte le variazioni di temperatura del nostro corpo, tenendo conto anche della zona in cui stiamo leggendo i dati (ascelle, fronte, bocca, orecchie o retto) e, in alcuni casi, addirittura dell’età del soggetto.

Ecco perché il termometro digitale è uno dei dispositivi più precisi ed immediati fra quelli disponibili per questo scopo.

Altro elemento importante è il bulbo, ovvero la parte del termometro che aderisce alla nostra pelle e va a leggere la temperatura corporea. La maggior parte dei dispositivi al momento in commercio si serve di un bulbo flessibile, adatto quindi ad aderire perfettamente al nostro corpo. Ciò si traduce non solo in risultati più precisi, ma anche in maggiore facilità di misurare la febbre quando si ha a che fare con bambini.

Perché scegliere un termometro digitale?

Il termometro digitale ci ricorda come l’avanzare della tecnologia va a braccetto con le migliorie in campo medico. Si tratta infatti di un dispositivo eccellente, preferito in molti ambiti, sia professionale che per uso domestico.

Il suo punto a favore è la velocità di lettura, che arriva ad un massimo di 3 minuti. Il termine di ogni misurazione è poi accompagnato da un breve segnale acustico, che ti avvisa quando rimuovere il termometro.

Per quanto riguarda le tipologie di misurazione, anche in questo caso i termometri digitali offrono molta versatilità. Essi, infatti, possono essere usati tranquillamente su fronte, bocca, ascella e per la misurazione rettale.

Non mancano poi delle funzioni più votate alla tecnologia, come la memoria in cui conservare le misurazioni più recenti. Questo è un elemento molto importante, poiché essenziale per seguire con precisione ed immediatezza il decorso di una malattia.

Quali sono le funzioni di un termometro digitale?

Trattandosi di un dispositivo elettronico, il tuo nuovo termometro digitale può presentare diverse funzioni. Esse sono state studiate proprio per rendere la tua vita più facile. Ovviamente, la presenza di funzioni più sofisticate porterà il prezzo finale del prodotto a risultare più alto, ma se è davvero ciò di cui hai bisogno allora è consigliabile investire il tuo denaro.

Ovviamente ogni brand e ogni modello ha diverse funzioni, ma le più comuni sono le seguenti:

  • Memoria, che registra gli ultimi valori rilevati. Ciò permette di monitorare in modo pratico la temperatura corporea di un paziente, adulto o bambino, nel corso del tempo.
  • Allarme temperatura alta, che può essere visivo o sonoro. Quando il termometro registra un determinato valore più alto di quello medio, che solitamente è pari a 37°C, il dispositivo te lo segnala immediatamente affinché tu possa subito intervenire.
  • Spegnimento automatico, una funzione ormai comune a tutti i modelli rilasciati sul mercato più di recente. Il termometro si spegne quindi in automatico dopo qualche minuto, andando a preservare la durata delle batterie.
  • Luce notturna, una funzione aggiuntiva che appartiene in particolare ai modelli di termometro studiati per bambini. Infatti, grazie ad essa puoi controllare la temperatura corporea di un paziente anche di notte, senza il bisogno di accendere la luce e quindi di svegliarlo.
  • Indicazione dell’età, ovvero una delle tecnologie al momento più avanzate. Questa funzione serve in particolare nei termometri per bambini, poiché permettono di regolare il termometro in base all’età del paziente.
  • Punta preriscaldata, presente ovviamente solo nei termometri che non dispongono di tecnologia ad infrarossi.
  • Bluetooth, una funzione presente solo nei modelli più avanzati. Ti permette di collegare il termometro al tuo smartphone e, attraverso una app dedicata, di registrare tutti i valori rilevati su una memoria esterna al termometro.

Posso usare un termometro digitale per misurare la febbre di bambini?

È proprio nei primi anni della loro vita che i bambini sono più soggetti ad ammalarsi, e la febbre diventa presto una condizione abbastanza comunque, come molti genitori ormai sanno. Non bisogna mai preoccuparsi né allarmarsi, ma è sempre essenziale tenere la situazione sotto controllo.

Ecco perché è fondamentale affidarsi ad un termometro che risponda a tutte le nostre esigenze. Sono sempre più numerosi i genitori che si affidano ad un modello digitale, in quanto veloce e pratico. Si tratta infatti di modelli che aiutano in quello che per molti genitori è un ostacolo davvero enorme, ovvero la non volontà, o meglio l’incapacità, del bambino di collaborare.

Soprattutto i più piccini tendono ad agitarsi molto durante la misurazione della febbre, e ciò risulta in rilevazioni non precise o addirittura nell’impossibile di procedere. Ecco perché hai bisogno di un termometro digitale, che risulta accurato nei risultati ottenuto, ma soprattutto non invasivo.

Termometro digitale ad infrarossi: ne vale la pena?

Il termometro digitale è già un dispositivo che sfrutta le migliori tecnologie in commercio. Tuttavia, sono ormai molti i modelli che hanno deciso di compiere un ulteriore passo in avanti, servendosi di energia infrarossa.

Il valore aggiunto sta nella possibilità di misurare la febbre senza dover far aderire il bulbo del termometro alla pelle del paziente. Può sembrare una cosa da poco, ma solo a chi non ha mai provato a misurare la febbre ad un bambino agitato o dolorante! Per non parlare della comodità di poter usare il termometro anche in piena notte, mentre il bimbo dorme, senza la necessità di doverlo svegliare.

Altro punto a favore dei termometri digitali ad infrarossi è la velocità di rilevazione, che in questo caso è ridotta ad addirittura pochi secondi.

Vi sono diversi modelli di termometri digitali ad infrarossi: quelli per la fronte (che però richiedono un contatto con il corpo del paziente) o quelli con puntatore ottico e quindi utilizzabili a distanza.

Posso usare il termometro digitale per la misurazione ascellare?

La misurazione ascellare è molto probabilmente la metodologia più diffusa per verificare la temperatura corporea, soprattutto negli adulti. Questo perché, affinché i dati siano precisi, il termometro deve essere posizionato in modo esatto, cioè perpendicolare al cavo ascellare e parallelo al nostro busto.

Il dispositivo va poi retto per bene durante la misurazione, in modo saldo ma senza agitarlo troppo. Non a caso, nel corso di diverse misurazioni ascellari effettuate nel tempo, possono esserci variazioni di temperatura fino anche ad 1 grado. Altre variazioni possono sussistere anche solo misurando la temperatura prima con l’ascella destra e poi quella sinistra.

Se decidi di proseguire con la misurazione ascellare, verifica sempre che la tua pelle sia asciutta e pulita. Parametri come umidità e sudore, infatti, riducono la precisione della misurazione.

In quali altri modi posso usare un termometro digitale?

Uno dei principali lati positivi del termometro digitale, e ciò che spinge molti consumatori a prediligere proprio questo modello, è la sua versatilità. Esso infatti può essere usato per misurare la febbre in diversi modi, ovvero sfruttando il calore corporeo emesso da diverse zone del proprio corpo.

Innanzitutto, puoi procedere alla misurazione orale. È però necessario procedere a questa operazione solo mezz’ora dopo almeno aver mangiato. Questo perché alimenti e bevande troppo calde o troppo fredde possono compromettere la precisione dei dati.

Ovviamente puoi anche procedere con la misurazione rettale, che resta una delle più diffuse per tenere d’occhio la temperatura corporea dei bambini. Se questo è il tuo caso, cerca di prediligere modelli di termometro che dispongano di una sonda anatomica, non troppo invasiva, e soprattutto riscaldata.

Fronte e orecchio sono altre due buone alternative. Va però sottolineato come la misurazione della febbre dalla fronte abbia senso solo con un termometro digitale ad infrarossi, che non richieda quindi alcun contatto con la pelle del paziente. Per la misurazione dall’orecchio puoi usare un termometro digitale a distanza, oppure continuare a preferire un modello più tradizionale, dotato quindi di sonda.