Miglior termometro ad infrarossi professionale del 2020

Individuare il miglior termometro ad infrarossi professionale per uso domestico potrebbe non essere facile. Sono tanti i modelli in commercio e sempre di più le funzionalità proposte. 

Per fortuna noi abbiamo qualche consiglio per guidarti nella scelta di quello più adatto alle tue esigenze.

  1. Gima 25575. Ideato per un uso ospedaliero professionale, offre ottime prestazioni anche in ambienti domestici.
  2. Yukicare Termometro Medico Digitale. Con la sua forma ergonomica e la sua precisione certosina, si tratta di un modello eccellente.
  3. InnoBeta FR800. Versatile e pratico da usare, ma soprattutto dal prezzo contenuto.

Leggi anche l’articolo sul miglior termometro ad infrarossi del 2020.

1.    Gima 25575

Gima 25575

Sono davvero pochi i termometri ad infrarossi pensati per un uso professionale che possano poi trovare applicazione in modo eccellente anche fra le mura domestiche. Fra essi, questo modello firmato Gima è sicuramente il migliore. Gli basta infatti un solo secondo per rilevare la temperatura corporea, e risulta sempre igienico e prestante grazie ai suoi copri sonda monouso.

Grazie alla sua presa jack, puoi collegare il dispositivo al tuo computer per salvare i dati registrati. È quindi a pieno titolo il miglior termometro ad infrarossi professionale, dotato di funzioni aggiuntive quali lo spegnimento automatico.

Gima ha diversi modelli di dispositivi per la misurazione della temperatura in catalogo, ma questo in particolare non può che aggiudicarsi il titolo di miglior termometro ad infrarossi professionale, vincendo a pieni voti contro ogni tipo di concorrenza.

 

2.    Yukicare Termometro Medico Digitale

Yukicare Termometro Medico Digitale

La forma ergonomica di questo termometro ad infrarossi professionale richiama quello di un dispositivo classico, che può essere usato sia sulla fronte o sul timpano.

All’interno della scatola sono già presenti le batterie per iniziare ad usare il dispositivo fin da subito. È presente poi un segnale acustico che si attiva automaticamente quando la temperatura rilevata supera i 38 gradi.

Grazie alla sua praticità d’uso, può essere impiegato per la rilevazione della temperatura non solo corporea, ma anche di liquidi e cibo. Insomma, è davvero un dispositivo non solo facile da usare e molto prestante, ma anche versatile. per molti rappresenta quindi un investimento interessante, che saprà darti ottime prestazioni in ogni situazione.

3.    InnoBeta FR800

InnoBeta FR800

Se stai cercando il miglior termometro ad infrarossi professionale dall’eccellente versatilità, allora InnoBeta ha il modello che fa al caso tuo. Questo dispositivo si presta alla misurazione non solo della temperatura corporea, ma anche di oggetti e liquidi. Esso dispone infatti di varie modalità fra cui scegliere in totale libertà.

Questa caratteristica lo rende uno strumento eclettico, particolarmente utile se ti diletti in preparazioni pasticcere che necessitano di date temperature per la realizzazione, o anche solo per misurare l’acqua del bagnetto di tuo figlio. 

Trattandosi di un dispositivo ad infrarossi, il contatto con la pelle non è necessario. Tutti i dati rilevati appaiono sull’ampio display retroilluminato, che si colora di rosso quando riscontra temperatura superiori a 37,5 gradi. Questo allarme può anche essere accompagnato da un segnale sonoro.

Non manca una funzione di memoria, che conserva fino a 30 misurazioni precedenti. È infine presente la funzione di autospegnimento, che si attiva automaticamente dopo 10 secondi di inutilizzo del dispositivo. 

 

Guida all’acquisto

Il termometro ad infrarossi viene ormai usato abitualmente per la misurazione della temperatura nei pazienti di ogni età. Grazie alla sua praticità d’uso, infatti, esso è perfetto per misurare la temperatura corporea attraverso la fronte o le orecchie di grandi e piccini.

Inoltre, dal momento che non ha necessità di venire a contatto diretto con la pelle, è certamente più igienico. Puoi usarlo sempre, per tutta la famiglia, senza particolari accorgimenti.

Come funziona

Il termometro ad infrarossi professionale è in grado di rilevare la radiazione elettromagnetica di qualsiasi superficie; ogni corpo, infatti, che si trovi ad una temperatura superiore dello zero assoluto (parliamo di -273.15°) emette una radiazione infrarossa che questo strumento è in grado di rilevare, anche a distanza.

La radiazione infrarossa viene quindi convogliata, da lenti ottiche, verso un rilevatore che la converte in segnale elettrico. A questo punto entra in gioco un processore che, grazie ad una rapida elaborazione di dati, restituisce sul display la temperatura rilevata. Il tutto in pochissimi istanti. Tanta tecnologia nel palmo di una mano.

Come usarli e come sceglierli

Il termometro digitale ad infrarossi per uso auricolare va inserito nell’orecchio, sfruttando quindi la temperatura corporea emessa dalla membrana vicino al timpano. Si tratta di dispositivi molto veloci, poiché bastano pochi secondi per ottenere dei dati precisi. È però fondamentale usarli correttamente per non compromettere la bontà della rilevazione, e per ottenere sempre il massimo delle prestazioni. Per questo motivo, consigliamo sempre di consultare il manuale di istruzioni di ogni dispositivo prima di procedere con l’utilizzo.

Per quanto riguarda i termometri a contatto e a distanza, entrambi sono modelli estremamente precisi, oltre che molto semplici da usare. La differenza sta quindi nell’approccio al paziente. Se stai cercando un termometro digitale ad infrarossi da usare per i tuoi bambini, consigliamo di optare per un modello a distanza, che renderà queste operazioni molto più facili. Esso, infatti, non richiede alcun contatto fisico con la pelle del tuo bambino, e può essere usato anche mentre il piccolo dorme, senza il bisogno di doverlo svegliare.

Leggi anche l’articolo dedicato al temometro per neonati.

Se ti stai accingendo ad acquistare il miglior termometro ad infrarossi professionale, ci sono davvero tanti modelli fra i quali scegliere. Ecco perché basarsi sulle proprie esigenze d’uso e poi sul proprio budget è il modo perfetto per scegliere con cura.

Curiosità

termometro_infrarossi_professionale

Alcuni storici attribuiscono l’invenzione del termometro a Galileo Galilei, all’inizio del Diciassettesimo secolo. Non siamo sicuri che questa informazione sia corretta; quel che è certo invece è che esistono evidenze di rilevatori di temperatura graduato, ad aria, proprio di quel periodo.

Scopri di più sulla storia del termometro.

I primi rudimentali strumenti di misurazione avevano molti limiti: la mancanza di precisione, l’influenza dell’ambiente esterno, l’ingombro eccessivo e la conseguente difficoltà di spostarli. Man mano che la scienza ha fatto progressi, anche i termometri si sono evoluti, arrivando ad utilizzare l’alcool al posto dell’aria. 

Passando attraverso i termometri a mercurio, non più in commercio dal 2009, per arrivare oggi a quelli digitali o a infrarossi, possiamo senza dubbio affermare che questo strumento è il dispositivo medico più usato in assoluto, con i suoi oltre 400 anni di storia