Miglior smartwatch polar del 2021

Ecco la classifica dei migliori prodotti della categoria Smartwatch Polar:


Polar M430: seconda posizione per questo prodotto, la valutazione media è 4,4 con 10 recensioni

Polar Vantage M: terza posizione per questo prodotto, la valutazione media è 4,3 con 10 recensioni
OffertaBestseller No. 1
Polar Ignite - Smartwatch per il Fitness con GPS integrato - Rilevazione della Frequenza Cardiaca dal Polso, Guida all'Allenamento, Analisi del Sonno, Impermeabile Unisex
10 Recensioni
Polar Ignite - Smartwatch per il Fitness con GPS integrato - Rilevazione della Frequenza Cardiaca dal Polso, Guida all'Allenamento, Analisi del Sonno, Impermeabile Unisex
  • Ottieni il massimo: Polar Ignite, lo smartwatch unisex per chi vuole superare se stesso; ottimo per allenamenti indoor o outdoor, per la palestra, esercizi di gruppo, nuoto, corsa, ciclismo, walking
  • Utilizzo 24/7: sottile e leggero, con interfaccia intuitiva ad un pulsante, display touch a colori, frequenza cardiaca dal polso, velocità, distanza e percorso con gps integrato, calcolo delle calorie
  • Nightly recharge: la funzione nightly recharge misura l'effettivo recupero durante la notte dallo stress accumulato durante il giorno
  • Guida all'allenamento quotidiano fitspark: ottieni quotidianamente suggerimenti di allenamento ed una guida personalizzata in base al tuo recupero notturno ed allo stato di forma generale
  • Sleep plus stages: scopri di più sulla qualità del tuo sonno attraverso un'analisi dettagliata di ogni sua fase, grazie alla nuova funzione sleep plus stages

Recensioni

Eccezionale
Da quando l’ho messo al polso non l’ho più tolto, bello esteticamente, leggero e discreto, dimentichi di averlo anche di notte. Il display è luminosissimo, con colori accesi e perfettamente visibile anche al buio o alla luce del sole. Facile e comodo da usare, il touch screen è molto sensibile e intuitivo. Al mattino ti dice quanto e come hai dormito in ogni fase del sonno, anche quella REM e indica quanto hai recuperato dalla stanchezza e dallo stress, suggerendo un allenamento ideale, con una guida dettagliata che ti mostra cosa fare esercizio per esercizio, anche con delle animazioni… praticamente un personal trainer a portata di mano! Il GPS prende il segnale rapidamente ed è molto preciso. Anche la frequenza cardiaca, rilevata dal polso, è precisissima e si può visualizzare in qualsiasi momento del giorno, non soltanto in allenamento. Trovo utilissimo il Fitness Test, che misura il VO2 max: davvero semplice da effettuare, basta rilassarsi e avviare il test che dura circa 5 minuti. Un’altra cosa che mi piace tantissimo: la guida agli esercizi di respirazione! Non li avevo mai fatti, ma ne sto traendo molto beneficio. Quando avvii l’esercizio di respirazione, sul display compaiono delle bolle che si muovono guidando il ritmo di inspirazione ed espirazione. Davvero utile per rilassarsi. L’app Polar Flow è fatta molto bene, semplice e completa e permette di gestire anche tutte le impostazioni per l’orologio. Le notifiche del telefono poi sono una grande comodità. Sono contentissima di questo acquisto e trovo che il rapporto qualità / prezzo sia davvero eccezionale!
Bello per lo sport bello per tutti i giorni
La prima cosa che si nota di questo prodotto riguarda l’estetica, veramente molto accattivante con dimensioni a mio parere perfette, non troppo grande ne troppo piccolo, sottile e leggerissimo. Il display è a lcd e si vede perfettamente in tutte le condizioni di luce, presenta un solo pulsante e con touch che risponde molto bene ai comandi, ci sono vari display e l’orologio può essere impostato sia analogico che digitale e si accende ogni volta che si ruota il polso. L’ho utilizzato per correre tre volte e il GPS è preciso e molto veloce nella ricezione del segnale, pochi secondi ed era pronto per partire, ha svariati profili sportivi tutti personalizzabili, durante l’allenamento si possono configurare 6 display e per ogni display si possono inserire a propria scelta fino a 4 informazioni, ci sono lap automatici, e il display si può lasciare sempre acceso durante l’allenamento attraverso l’attivazione tramite un menu a tendina attivabile quando parte l’allenamento, per chi corre come me questo è molto utile. Il monitoraggio della frequenza cardiaca è a dir poco stupefacente, preciso come avere una fascia cardio al torace, unica accortezza, indossarlo in modo corretto ma poi tutto un altro confort. Presente anche il monitoraggio dell’attività quotidiana, numero passi e calorie consumate, eccezionale il monitoraggio del sonno, con valori super dettagliati, addirittura il prodotto conta il numero dei cicli del sonno e divide lo stesso in quattro diverse fasi, monitora la variabilità cardiaca durante la notte e il numero dei respiri medi fatti ogni minuto. La mattina quando mi risveglio mi dice, quanto il sonno mi ha ricaricato e infine mi dice quale allenamento sono pronta a fare, offrendomi tre tipologie di allenamento diverso, indicandomi esattamente come lo devo fare, quanto deve durare e a quale intensità, un vero personal trainer al polso. C’è anche il test di VO2 max, consumo massimo di ossigeno, si fa direttamente con la lettura della frequenza cardiaca dal polso e dura circa tre minuti, una volta terminato ti dice quale è il tuo livello di forma fisica. Ovviamente si connette al telefono e riceve tutte le notifiche, sms, w.app, email ecc. La batteria sembra durare molto considerando le dimensioni del prodotto, al momento dopo quasi tre giorni di utilizzo, ho corso tre volte, circa 28 km e ancora non l’ho ancora ricaricato, la batteria mi dice che ho un residuo del 25%, direi ottimo. Continuerò a provarlo, magari potrò aggiungere altre informazioni, al momento Polar Ignite veramente OTTIMO acquisto.
Comodo, innovativo, economico
CARATTERISTICHE RECENSORE Mi alleno in bicicletta (3 volte la settimana). Corro (1 volta la settimana). Nuoto in piscina (inverno) e in acque libere (estate). Mi servo di orologi GPS in tutte queste attività. Ho posseduto (Leggi le recensioni): Garmin Fenix 5, Suunto 9, Coros Apex, Polar V800. Da oltre 10 anni utilizzo Amazon per l'enorme offerta, precisione e, in sostanza, affidabilità. RIASSUNTO IN 5 PUNTI • Orologio sottile, leggero, comodo da indossare tutto il giorno, ben leggibile al chiuso e all’ombra e ancora sufficientemente leggibile in pieno sole. Morbido cinturino sostituibile dall’utente con facilità. Con il touch screen e un solo pulsante di comando è di grande semplicità di utilizzo. Bluetooth per il collegamento a sensori quali footpod e fascia cardio (ma NON sensori di potenza della bici). FIGURA 0 : foto dell’Ignite • Dotato di sensore gps prodotto dalla Sony, utilizzato ormai da tutte le marche per i suoi bassi consumi energetici e conseguente maggiore durata della batteria, anche se a discapito dell’accuratezza di rilevazione. • Il sensore di battito cardiaco al polso più recente della Polar (Polar Precision Prime) con i suoi 9 led. Preciso a riposo e tra i migliori durante l’allenamento. Rileva la FC anche in acqua • Collegabile al cellullare mediante bluetooth per visualizzare le notifiche e per sincronizzare l’attività svolta e le tipologie di display scelte mediante APP polar Flow. Collegabile al PC mediante cavo Polar per sincronizzare l’attività svolta e le tipologie di display scelte mediante sito Polar Flow. • Molta attenzione alla attività quotidiana (passi, calorie) e soprattutto al recupero (sonno e sua qualità, durata del riposo, respirazione), infine il coach virtuale che suggerisce esercizi in base allo stato di recupero giornaliero R E C E N S I O N E E S T E S A 1. STILE E INDOSSABILITÀ In passato non ho mai portato l’orologio quotidianamente. Solo durante l’allenamento. Devo dire che nelle prime 3 settimane in cui ho indossato l’Ignite giorno e notte l’abitudine è immediata. Davvero comodo e così leggero da non notare la sua presenza. Il cinturino è morbido migliorando l’indossabilità dell’oggetto. Inoltre la sua facile sostituzione da parte dell’utente consente combinazioni di colori personalizzate. 2. DISPLAY Alla prima accensione colpisce la sua luminosità. Lo sfondo è nero e le cifre sono prevalentemente bianche. Ben visibile è lo “spettro arcobaleno”, dal grigio al rosso, con cui vengono mostrate durante l’allenamento le cifre delle zone di frequenza cardiaca: ad una rapida occhiata saprete se state recuperando in zona 2, o lavorando in soglia anaerobica in zona 4 (o come deciderete di suddividere le zone di frequenza caerdiaca). FIGURA 2: display con colori della FC. Il rovescio della medaglia è che per mantenere un’illuminazione così forte il display è sempre… spento.. Se volete consultarlo si preme il pulsante. Più comodo ancora si ruota il polso e il display si accende. O dovrebbe farlo. L’accensione avviene un paio di secondi dopo la rotazione del polso. Inizialmente spiazzati dallo schermo nero che ci occhieggia dal polso ruotato, si prende presto l’abitudine a mantenere il polso ruotato per quei 2 secondi e abbassare lo sguardo successivamente. Certo, una risposta immediata sarebbe più gradita (in bici sollevare la mano dal manubrio per alcuni secondi potrebbe non essere facile, mentre durante la corsa il braccio fermo altera i valori della cadenza). Ma dopo qualche prova la manovra viene naturale. Esiste la possibilità (swype verso il basso e tap sulla lampadina) di tenere il display sempre acceso. Il consumo di batteria è elevato, ma fino a 4-5 ore l’orologio non ha problemi. Nota dolente la visibilità sotto il sole. Come un cellulare, la chiarezza cala, tanto più quanto più si guarda l’orologio da una prospettiva laterale, con ulteriore difficoltà per la lettura dei battiti cardiaci nelle zone dai colori più tenui. Solo tenendo lo schermo di fronte agli occhi (mantenendo un angolo retto tra la direzione occhio-display e la superficie del display) le cifre sono leggibili. Insomma l’accoppiata sole e occhiali da sole (bicicletta in agosto…) richiede più attenzione. Basta tuttavia l’ombra della nostra testa o di un albero, per tornare a leggere con facilità. Al contrario quando la luce ambientale è scarsa, la visibilità del display è ottima. FIGURA 3a e 3c: visione diretta e da prospettiva laterale 3. BATTERIA Qui il discorso si fa simile ai cellulari. In tre parole: dipende dall’uso. La Polar garantisce fino a 17 ore di autonomia con GPS e rilevazione frequenza cardiaca attivi. Per arrivare a tale durata è necessario non guardarlo quasi mai, ovvero lasciare il display spento. Quanto più spesso si accende il display, quanto più si consuma batteria; ovvio. E ognuno ha le sue abitudini o le sue esigenze. Personalmente ho misurato una dozzina d’ore di durata massima. Viceversa richiedendo il display sempre acceso, l’Ignite entra in una fase di “risparmio” (ovvero si spegne comunque il display) dopo 5-6 ore. Come “activity tracker”, cioè se ci interessa l’attività quotidiana, con il battito cardiaco, le calorie consumate, lo stato di recupero e il collegamento al telefono per ricevere le notifiche, ecco che la durata di una ricarica può superare i 5 giorni (secondo la Polar). Ripeto, la discriminante (oltre alla durata degli allenamenti) è quanto spesso si “consulta” il display. 4. FUNZIONI PARTICOLARI Al momento della sua uscita, l’Ignite ha alcune funzioni ulteriori rispetto addirittura alla serie Vantage della stessa Polar (per la quale è previsto un futuro aggiornamento firmware). Più precisamente: Nightly recharge: Unendo i dati del battito cardiaco (FC) e della sua variabilità (Sistema Nervoso Autonomo) con il ritmo respiratorio ed il sonno fornisce una misura del recupero notturno e della condizione in cui vi trovate per affrontare nuovi allenamenti. FIGURA 4a Sleep plus stages: Monitoraggio di quantità e qualità del sonno con informazioni sui periodi di veglia e delle fasi REM. Utile per ragionare sugli eventi della giornata che rendono il sonno migliore o peggiore. Punteggio del sonno notturno Fornisce un valore alla qualità del sonno per mettere in grafico le ultime settimane ed avere un immediato feedback sull’evoluzione del proprio riposo Fitspark: La funzione che ho trovato più interessante. E’ una guida all’allenamento quotidiano. Ignite unisce i dati di allenamento con quelli del nightly recharge e suggerisce alcuni esercizi da fare in giornata per allenarsi al meglio ed evitare il sovrallenamento. Si può scegliere tra diverse opzioni, tutte guidate: forza, capacità aerobica, mobilità. O anche il semplice recupero. FIGURA 4b Serene Yoga e mindfulness sono tra le attività più gettonate per il riequilibrio psico fisico. E la respirazione è un fattore chiave. Tramite “Serene” l’Ignite guida negli esercizi di respirazione e rilassamento. Molto utile anche in fase di recupero. FIGURA 4c 5. PRECISIONE GPS Diciamolo chiaramente. I gps di nuova generazione basati su sensore a basso consumo Sony e dotati di antenne sempre più piccole per essere più comodi da indossare, hanno dovuto cedere qualcosa rispetto alla precisione dei gps di qualche anno fa. Insomma il Polar V800 è ancora uno standard per precisione. Sebbene con gli aggiornamenti del firmware siano possibili progressi nel tempo al momento la precisione dell’Ignite è media. E’ sufficiente inserire delle variazioni di percorso ad angolo retto (per esempio girando in una nuova via) per vedere la velocità o l’andatura media calare vistosamente per diversi secondi. La ragione? Dai grafici delle varie piattaforme web (da Polar Flow a Strava) si nota che gli angoli vengono sistematicamente tagliati nella registrazione del percorso: meno strada nel medesimo tempo = minore velocità. Si tratta di vedere quanto questo interessa al singolo atleta: state misurando la vostra prestazione su un percorso relativamente breve dove i secondi (o i metri percorsi) fanno la differenza? La lettura è insufficiente. Volete mantenere una velocità media su un percorso di un’oretta? Il dato dell’Ignite vi aiuta senz’altro. FIGURA 5 esempio di percorso Strava impreciso (5a) e preciso (5b) 6. PRECISIONE FREQUENZA CARDIACA Polar Precision Prime è considerata la tecnologia più avanzata sul mercato per la misurazione al polso della Frequenza Cardiaca. Del resto la Polar ha storicamente legato il proprio marchio ai cardio frequenzimetri. Preciso come una fascia cardiaca? Non proprio. E sicuramente bisognoso di alcune avvertenze nell’uso. Tuttavia, dal confronto con un V800 dotato di fascia cardio ho notato: - Una fase iniziale di alcuni minuti in cui la lettura al polso è più imprecisa. Si supera mettendo l’Ignite in pre- allenamento per 4-5’ prima di cominciare la misurazione (FIGURA 6°: display in pre-allenamento) - Una latenza nella registrazione delle variazioni del battito di alcuni secondi. Sia in crescere che in calare. Forse al polso la frequenza varia con un leggero ritardo rispetto alla zona toracica sopra il cuore. Non male direi, vista la comodità di lasciare a casa la fascia toracica. Tra l’altro la misurazione al polso avviene anche in acqua. Tra le accortezze per una misurazione più precisa (che valgono per ogni gps con misurazione della FC al polso): - collocare l’orologio dietro l’osso sporgente dell’ulna - stringere il cinturino: non deve ruotare né consentire l’inserimento di un dito, ma neppure lasciare un segno sulla pelle - non metterlo su tatuaggi - alcuni si radono i peli della zona (mi pare eccessivo…) Detto ciò ci sono alcune persone per le quali la lettura della FC al polso risulta in generale più difficile che per altre. Se non siete tra queste godetevi la comodità di lasciare a casa la fascia toracica. FIGURA 6 FC durante allenamento 7. PER LA CORSA Ho trovato comoda la sua leggerezza. Il ritardo di un paio di secondi nell’attivazione dello schermo dopo la rotazione del polso viene rapidamente assorbito dall’abitudine di guardare il display…. due secondi dopo. Oppure si può attivare l’accensione costante del display per una più rapida visualizzazione: difficile fare una corsa più lunga di 3-4 ore. I 4 quadranti in cui è possibile suddividere ogni schermata sono ben spaziati e consentono il controllo di tutti i parametri più comuni. Nota strana: l’Ignite non consente il lap manuale, ma solo quello automatico. FIGURA 7b: quadrante durante la corsa Suggerimento: attivando la funzione “timer alternati” tramite app o PC e dedicandole una schermata sull’orologio, si inserisce nell’Ignite una funzione che consente l’interval training o le ripetute. La sua impostazione è molto semplice anche durante l’attività con un paio di swype e di tap. FIGURA 7a timer alternati, indicazioni grafiche e numeriche 8. PER LA BICI Meno adatto che per la corsa. Per tenerlo sempre in vista senza staccare una mano dal manubrio andrebbe posizionato su un supporto, perdendo la comoda lettura del FC al polso. Si può sincronizzare con una fascia cardiaca bluetooth smart. In bicicletta è più facile trovarsi nella situazione sole e occhiali da sole, accoppiata che rende ostica la lettura del quadrante. Infine la maggiore durata degli allenamenti impone attenzione alla carica dell’Ignite ad inizio allenamento qualora lo si tenga sempre acceso. Infine non può essere sincronizzato con sensori di potenza. Con queste avvertenze, l’Ignite rimane comodo da indossare e lavora bene, risultando preciso nella rilevazione della velocità istantanea e nelle distanze, con qualche difficoltà nelle discese a tornanti stretti. L’Ignite non è dotato di un altimetro barometrico, ma può fornire i dati di altitudine tramite gps. FIGURA 8a : mano staccata dal manubrio, di fronte agli occhi; FIGURA 8b: mano NON davanti agli occhi 9. PER IL NUOTO Molto valido. Offre tutte le metriche specifiche per il nuoto: dal riconoscimento dello stile all’efficienza della nuotata (SWOLF) al passo e alla distanza. Queste ultime due sono precise in piscina dove si basano sulla lunghezza della vasca (si può settare da 20 a 50 metri). In acque libere le misurazioni si basano sul gps e poiché il segnale non si trasmette sott’acqua, sono inevitabilmente imprecise, come per tutti i gps da polso. Il bonus è che l’Ignite trasmette la FC anche durante il nuoto. La rilevazione non è altrettanto precisa, ma sufficiente a valutare le zone di frequenza. In questo caso il cinturino va stretto ancora più che in atmosfera. Non si può utilizzare una fascia toracica in quanto il protocollo Bletooth Smart non funziona in acqua. FIGURA 9 battito cardiaco sott’acqua 10. NOTA SUL TRIATHLON Ignite non ha la funzione Triathlon, ovvero un sistema per passare rapidamente da una tipologia di allenamento all’altra. Magari con un aggiornamento del firmware? Chissà. Per ora bisognerebbe chiudere un’attività, salvarla e aprirne una seconda dopo averne selezionato la tipologia. Mmmm, complicato. 11. PREZZO E’ uno dei punti di forza dell’Ignite: 200 euro. 200? Un terzo dei cosiddetti gps da agonisti? Un prezzaccio già all’uscita. In particolare rispetto alla serie Vantage della stessa Polar: il sensore gps è lo stesso, così come la rilevazione della FC. La durata della batteria non è disprezzabile (nulla a che vedere con le 7-8 ore del precedente M430 ). E’ meglio leggibile e dotato, al momento, di alcune funzioni aggiuntive tra le quali spiccano il “Nightly Recharge” e i suggerimenti di “Fitspark”. Non è usabile per il triathlon e neppure per le ultramaratone di una ventina di ore. E non possiede lettura della potenza di corsa (Vantage V) o possibili collegamenti a sensori di potenza. Le differenze oggettive giustificano una spesa 3 volte superiore? 12. APP e SITO WEB Polar Flow nella versione per cellulare o per computer è una delle piattaforme più complete per l’analisi dei dati dei propri allenamenti od anche per la loro semplice archiviazione. E’ possibile collegarla con altre piattaforme sportive quali Strava o Endomondo in modo che gli allenamenti vengano trasferiti automaticamente. La sincronizzazione dopo l’allenamento dovrebbe avvenire in modo automatico: personalmente non l’ho mai visto (senz’altro colpa mia). Tuttavia basta aprire l’app e spingere l’unico pulsante sull’orologio per iniziare a sincronizzare manualmente (ricordarsi di attivare non solo il bluetooth ma anche il gps sul telefono altrimenti la sincronizzazione non avviene). In 1-2 minuti vengono trasferiti i dati di allenamenti anche di 4-5 ore in modo estremamente stabile. Nessun problema in tal senso. FIGURA 12: schermata polar flow 13. PERCHÉ COMPRARLO - Comodo e leggero - Display molto luminoso - Nuove funzioni che interpolano i dati del sonno, del cuore e del respiro per valutare il recupero e suggerire l’allenamento ottimale (Fitspark) - Sensore cardiaco al polso del miglior livello - Misurazione della frequenza cardiaca al polso anche in acqua - Durata batteria buona - Rapporto qualità/prezzo imbattibile 14. PERCHÉ NON COMPRARLO - Se usi prevalentemente la bici d’estate con occhiali da sole il display non è chiarissimo - Per accendere il display bisogna ruotare il polso (ma possibile funzione “sempre acceso”) - Non predisposto per l’attività Triathlon - Non consente il collegamento a sensori di potenza per la bici - Il sensore gps non è tra i più precisi - Mancanza delle tracce

Acquista su Amazon
OffertaBestseller No. 2
Polar M430, Orologio GPS Multisport con Cardiofrequenzimetro Integrato Unisex-Adulto, Impermeabile, Nero, M-L
10 Recensioni
Polar M430, Orologio GPS Multisport con Cardiofrequenzimetro Integrato Unisex-Adulto, Impermeabile, Nero, M-L
  • Frequenza cardiaca rilevata direttamente dal polso con sistema di lettura ottica a 6 LED
  • Rileva andatura, velocità, distanza, percorso e altitudine tramite il GPS integrato
  • Consente di impostare la modalità GPS a risparmio energetico per aumentare l'autonomia fino a 30 ore
  • Avvisi con vibrazione; lap manuali e automatici; rileva la cadenza di corsa, velocità e distanza anche indoor tramite l'accellerometro integrato
  • Activity tracker: misura passi, distanza percorsa, calorie consumate e analizza la qualità del sonno

Recensioni

Comparazione con Garmin forerunner 35
Ho avuto modo di provare i due strumenti per qualche mese,entrambi di qualità, ed ecco quello che mi ha colpito: Polar: Veloce a prendere il segnale GPS Gestione intuitiva dei tasti, delle maschere e del display I programmi di allenamento e il fitness test Garmin Durata della batteria (il Polar è sensibilmente inferiore) App più curata (ma entrambe si sincronizzano con stravagante) Linea più moderna e fashion, cinturino più morbido
Ottimo rapporto qualità/prezzo, come al solito !
Ottimo prodotto per la corsa ma anche per la palestra e le attivita indoor in generale; chi si lamenta della scarsa precisione nella distanza sul percorso oppure nell'altitudine non sa semplicemente come funziona e come utilizzarlo. L'altezza la deriva dal GPS ed e' risaputo che non e' precisa (in tutti i GPS non solo in questo!) soprattutto al livello del mare. Quanto alla precisione del percorso ha due modalita': il GPS che - all'aperto - e' ovviamente precisissimo, oppure con gli accelerometri che ha dentro deduce la distanza dalla cadenza della corsa; anche questa modalita' e' molto precisa per le attivita' indoor (vedi foto allegata !) purche' si disattivi dal profilo usato in quel momento il GPS... Questo e' il trucco ! Se non lo si fa, ogni volta che il GPS acquisisce la posizione (per poi perderla inevitabilmente) fa sballare completamente il conteggio. Nella foto, dopo 10 Km sul tapis-roulan, l'errore e' +- 1 digit come tutti gli strumenti digitali (ovvero lui segna 10.02 Km mentre il tapis-roulan ne segna 10.03 Km). Studiate bene il manuale e fate prove per capire bene come funziona... lo so che oggigiorno non va piu' di moda.. ma se si vuole il massimo bisogna applicarsi un po' ! Non rimarrete delusi.
Impressioni acquisto Polar M430
Devo essere subito sincero. Volevo acquistare il Garmin Fenix 5. Ma poi, visto il prezzo del Garmin e visto che Amazon proponeva il Polar M430 con grande risparmio (199 invece di 299 euro) durante la giornata del Prime Day, ho acquistato il Polar. Bhe ... sono rimasto molto contento. Attenzione però, dico questo perchè io lo uso per le mie uscite di nordic walking dove sono essenzialmente interessato a vedere battito cardiaco (molto preciso), durata attività, velocità media, distanza percorsa. Il Polar registra l'attività che poi si può trasferire al PC collegandolo con il cavetto in dotazione. Il programma scaricabile su pc Polar Flow permette di vedere tutto quello che ti serve: medie, frequenza cardiaca, mappa del percorso e moltissime altre cose che io sinceramente non uso. Per risparmiare un po la batteria, visto che faccio uscite anche maggiori di 4 ore, ho abbassato di uno la sensibilità del GPS. Questo porta ad una perdita di segnale ogni 5 - 10 minuti; ma la mancanza di segnale dura solo 2 - 3 sec. e non da problemi sul rilevamento preciso dei dati (lo confronto ad ogni uscita utilizzando in contemporanea l'applicazione RunKepper sul cellulare). In definitiva: ottimo !! Un Polar, c'è poco da dire. Impermeabile, comodo, preciso per il cuore. Certo, non vedi le mappe o il tracciato sull'orologio, come farebbe il più costoso Garmin Fenix 5. Ma alla fine non mi serve e non ne sento la mancanza. Pensateci però se siete sportivi che hanno bisogno di vedere il tracciato o scaricare i tracciati di altri. In questo caso dovete investire di più e cambiar modello. Io il Polar M430 me lo tengo stretto !!!

Acquista su Amazon
OffertaBestseller No. 3
Polar Vantage M, Sportwatch per Allenamenti Multisport, Corsa e Nuoto, Impermeabile con GPS e Cardiofrequenzimetro Integrato, 46 mm, Unisex – Adulto, Nero, S/M
10 Recensioni
Polar Vantage M, Sportwatch per Allenamenti Multisport, Corsa e Nuoto, Impermeabile con GPS e Cardiofrequenzimetro Integrato, 46 mm, Unisex – Adulto, Nero, S/M
  • Batteria di lunga durata, 30 ore in allenamento continuo con lettura ottica della frequenza cardiaca e GPS in Full Mode
  • Sistema di lettura ottica Polar Precision Prime: monitoraggio accurato della frequenza cardiaca dal polso per oltre 130 sport, tra cui nuoto, ciclismo, running
  • Training Load Pro & Recovery Pro: il tracker per l'allenamento e per il ciclismo, Polar Vantage M monitora l'allenamento cardio e il carico di lavoro
  • Analizza lo sforzo a cui il corpo è sottoposto durante l'allenamento e le informazioni sul sonno per evitare sovrallenamento e infortuni
  • Si adatta al tuo stile: cinturini intercambiabili di colori diversi per adattare il tuo Polar Vantage M a ogni occasione

Recensioni

Uno Sport watch serio
È un ottimo sport-watch, veloce e ben visibile alla luce del sole. Di notte Nn aspettatevi il display retina ma fa il suo lavoro in modo soddisfacente. È un attrezzo concepito per fare sport in modo serio. Vale Di sicuro il suo prezzo ma (parere personale) non credo nell'affidabilità della lettura ottica da polso (per quanto evoluta) nelle attività ad alta intensità, xche entrano in gioco troppe variabili come la peluria, il grasso corporeo e la Conformazione del polso, nonché la lettura in una zona che secondo me essendo periferica perde di affidabilità rispetto al torace. Dopo aver fatto varie prove preferisco usarlo con la fascia cardio xche la trovo molto Più affidabile e posso tenere l'orologio comodamente sul polso senza stringere troppo il cinturino.
Critiche ingiuste
Premetto che questo sarà il mio 5/6 orologio GPS cardio quindi di esperienza ne ho abbastanza. Acquistato in un giorno particolamente fortunato quando il prezzo su amazon era di 232 euro (il prezzo attuale varia a 250/255 euro). ho acquistato il modello nero taglia M/L che per il mio polso va perfetto (ho una circonderenza di 16,5 cm). Al polso è molto bello, con un design moderno; a differenza di altri modelli del genere (molto plasticosi) si può anche utilizzare di giorno in ufficio o alla sera per uscire senza sembrare un esploratore. -una volta aperta la confezione si procede alla registrazione sul polar flow che può essere fatta su PC o direttamente con la app sullo smartphone. Come prima volta è meglio utilizzare il Pc perchè c'e' da scaricare l'ultima versione del sotfware. comunque è molto semplice e veloce, ho impiegato circa 10 minuti. Veniamo ora ai pregi che ho riscontrato dopo una settimana di utilizzo: 1) velocità di ricezione del GPS (all'aperto in circa 20-30 secondi, in mezzo a palazzi impiega alcuni secondi in più 2) precisione misurazione cardiaca (comparato con un garmin con fascia cardiaca i risultati sonp praticamente identici) 3)misurazione del battito cardiaco anche durante il nuoto 4)orologio molto leggero, buon sistema di chiusura con classico cinturino 5)orologio molto personalizzabile. Per ogni attività sportiva è possibile aggiungere fino a 8 schermate con moltissimi dati e valori (cadenza, velocità, medie, lap, medie del lap, ecc) 6)misurazione dell'altezza SLM e di ascesa/discesa direttamente sull'orologio. (l'altezza è calcolata con il GPS e non tramite barometro) 7) durata incredibile della batteria. Dopo 3 ore di trekking, 1,30 ore di corsa, 1h, 40min di nuoto è ancora al 60%. 8) quando si ruota il polso il display si retroillumina in automatico. avevo letto molte critiche su questo aspetto ma io l'ho trovato perfetto. 9) abbinamento all'iphone 7 immediato....molto facile scaricare i dati delle attvità svolte. Difetti: 1) mancanza di alcune attività sportive come sci/snowboard; spero che presto verrà incluso in qualche aggiornamento 2) nella funzione nuoto non conteggia in numero delle vasche ma i metri percorsi. bisogna fare un po di calcoli per capire quante vasche hai fatto. 3) luminosità all'ombra....è un po bassima. Anche qui spero verrà migliorata con gli aggiornamenti futuri. Buona invece all'esterno quando c'e' alta luminosità 4) display interno un po piccolo rispetto alla cornice esterna. forse potevano fare uno sforzo in più e farla più grande. In definitiva io l'ho trovato molto valido, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Certo, non è ancora perfetto ma con gli aggiornamenti del software futuri lo diventerà (in una settimana sono arrivati 2 aggiornamenti....quindi significa che ci continuano a lavorare) Ho letto molto critiche e comparative con modelli garmin che però costano 550/600 euro. Come si fa a paragonare un modello da 250 euro con uno da 600??? è fuori logica.
bello, ma per ora molte cose da risolvere
Aggiornamento del 6/12/2019 dopo un anno di utilizzo Molte delle mancanze che ho segnalato nella prima recensione sono risolte. Deo gratia, nel frattempo sono ricomparsi (erano presenti nell'M430 ma non sul Vantage M): fitness test, riepiloghi lap a fine allenamento e (udite udite, quanta grazia...): funzioni smart (solo notifiche) e display sempre illuminato in allenamento, oltre che a una quantità di nuove funzioni (back to start, calibrazione sensori da scarpa, esercizi di respirazione etc.). Ora, io ho una teoria in merito: ma non è che Polar per quasi un anno non ha montato queste funzioni sul Vantage perché doveva dare un senso all'ignite (versione entry level ma non troppo dei Vantage?). Eh, il dubbio viene, perché l'ignite è molto ma molto simile ai Vantage e, in assenza di funzioni aggiuntive e visto il prezzo simile, difficilmente sarebbe stato appetibile al lancio. Comunque, l'esperienza di un anno con il vantage M è positiva. Voglio bene all'orologio e non mi ha mai lasciato a piedi. Per il resto, confermo quanto già espresso ma segnalo alcuni miglioramenti per la qualità GPS (ma nel frattempo ho acquistato un sensore da scarpa Stryd e della precisione GPS m'importa molto, ma molto, meno). Per la FC, confermati i problemi con il freddo ed a inizio miglioramento (spesso pesca la cadenza e non il battito). Stringere bene! Aggiorno la recensione dopo 20 giorni di utilizzo. Ora ho più chiare alcune cose. 1) non è che la misurazione GPS(+GLONASS) sia di per sé scarsa. Anzi, in una giornata tersa e con l'A-GPS aggiornato ha una precisione superlativa, fino a mostrare da che lato della strada si è corso. Il problema è che soffre molto più dell'M430 i peggioramenti di condizione (nuvole, pioggia, A-GPS vecchio di pochi giorni, ambiente urbano). Tipicamente sottostima il percorso (e quindi sovrastima l'andatura), tagliando sui cambiamenti di direzione anche non repentini. La sottostima non è esagerata ed è sopportabile, ma c'è. Intendiamoci, è normale che la misurazione GPS sia peggiore in cattive condizioni, solo che, come detto, il Vantage le soffre di più dell'M430. Confermo comunque le prime impressioni. GPS discreto/buono, considerando che è più che ottimo in buone condizioni, meno in condizioni non ottimali, fino al mediocre nelle condizioni peggiori. Attendo aggiornamenti firmware . Per ora meglio l'M430, consumo escluso. 2) la misura dell'FC si conferma buona. Non a livello forse di una fascia, ma fornisce una stima di buona qualità sull'intensità dell'allenamento. Le fluttuazioni ci sono ma spesso si possono ricondurre a cambi di pendenza. Qualche problemino a inizio allenamento c'è. Alcuni hanno riportati problemi o addirittura inaffidabilità totale. Sol mio polso, stretto bene, assolutamente no, ma anche in passato al lancio dei nuovi prodotti ci sono stati problemi (ad esempio pelle scura per l'M430, poi corretto con nuovo firmware) quindi non è escluso che per alcuni i problemi ci siano eccome. Anche qui vediamo con gli aggiornamenti. Per il resto tutto confermato (comprese le misteriose sparizioni di fitness test, analisi dei lap sull'orologio, analisi sonno sull'orologio etc.). Estetica e consumo a parte, per ora l'M430 resta validissimo anche in confronto del suo successore, che non è male ma ha bisogno di crescere ancora. Aggiungo un'ultima cosa: a me non interessa molto né l'ho valutata con attenzione, ma credo che l'analisi del sonno sia da migliorare. Prima recensione: Scrivo questa recensione dopo 3 giorni di test piuttosto intensivo del Polar Vantage M. ----Premesse---- - vengo da un M430 che dovrebbe essere il predecessore naturale del Vantage M, come il V800 lo è del Vantage V; - di conseguenza, la recensione è comparativa con il M430 e non assoluta, né è comparativa con altri sportwatch; - la recensione si riferisce al running e non ad altri sport. So per certo, ad esempio, che il monitoraggio del nuoto indoor è migliorato; - la versione firmware è la 1.2.3 (8/11/2018). Polar ha annunciato che inserirà varie funzioni (alcune già presenti sull'M430) in futuro e quindi molte delle mancanze di cui sotto potranno essere risolte. Ma tant'è, questo è l'orologio che ho comprato ed il firmware che ho oggi 11/11/2018 e su questo mi baso; - ho testato il Vantage con: camminata da 3 km, corsa ad andatura lenta, ripetute (6x1000), in ambiente urbano e aperto (Roma). ----Risultati ed impressioni---- Estetica: il Vantage M è notevomente più bello dell'M430. E' adatto ad essere indossato tranquillamente anche fuori allenamento. Non è così ingombrante come credevo e l'aspetto è solido. Costruzione e comodità: l'aspetto è solido. Il sistema di collegamento è notevolmente migliorato e sfrutta i 4 nuovi elettrodi che dovrebbero anche coadiuvare i led per la misura della FC. Il Vantage è leggero e comodissimo. Batteria: la durata della batteria è notevolmente migliorata rispetto all'M430. Questo aspetto è stato uno dei più battuti da Polar durante il lancio. Dopo una sessione di 13 km con ripetute, la batteria è passata dall'82% all'.... 80%! Il consumo del chip GPS Sony è veramente quasi zero. La specifica dichiarata (30h di autonomia con tracciatura GPS alla massima precisione) è verosimile. Tuttavia, e non è secondario, con la rilevazione di frequenza cardiaca in continuo (cioè su tutta la giornata) il consumo è apprezzabile (da 100 a 80% in una giornata). Il consumo in allenamento è quindi estremamente basso, ma ciò non può essere esteso all'uso quotidiano con la misura della FC in continuo. In questa modalità dubito che si arrivi ad una settimana (che era più o meno la durata della batteria sull'M430). GPS: non è così impreciso come alcune recensioni sembravano suggerire (probabilmente con firmware beta). Allo stato attuale è discreto, ma non ottimo. Ho effettuato con mia moglie un test comparativo con l'M430. La qualità delle tracce è simile ma l'M430 mostra tracce migliori in contesto urbano. Ovviamente il GPS influisce direttamente sulla qualità della misura dell'andatura istantanea. Consiglio comunque (per qualsiasi sportwatch che lo permette, come il Vantage), per gli allenamenti, di utilizzare la misura media dei lap di riferimento (medie progressive). In foto trovate a) la traccia in ambiente aperto (parco degli acquedotti, Roma), decisamente buona e b) due tracce in contesto urbano (palazzi di diversi piani), di qualità non eccelsa. So che Polar ci lavorerà nei prossimi mesi con Sony, ma mi aspettavo di più da un prodotto "2019". In ogni caso, saranno contenti gli ultramaratoneti che non avranno problemi a finire le loro sessioni senza patemi sulla durata della batteria. Da migliorare con i prossimi sviluppi firmware. Monitoraggio frequenza cardiaca: a mio parere (e sul mio polso) l'M430 era già equipaggiato con un validissimo sistema di misurazione della frequenza cardiaca. Molto sinceramente non ho notato miglioramenti epocali, cambi di paradigma o rivoluzioni tecnologiche. Il ritardo di lettura è stato ridotto, ma in generale ho l'impressione che il miglioramento dall'M430 non sia né epocale né rivoluzionario, in parte dovuto alla già buonissima precisione dell'M430. Ma forse sono io ignorante in materia. Lascio sospeso il giudizio. Report carico cardiaco: quando si associa il Polar Vantage M lo "stato di recupero", mostrato dalla piattaforma polar flow con l'M430, viene sostituito dal "report di carico cardiaco" (ho caricato un'immagine). Personalmente non capisco (ai fini pratici) la differenza tra i due. Entrambi suggeriscono uno stato (deallenamento, mantenimento, sovraccarico etc.) con nomi diversi e se non sbaglio comunque basandosi sulle stesse informazioni (l'M430 e il Vantage effettuano le stesse misurazioni, in fondo). L'attuale sistema calcola il TRIMP e per certi versi assomiglia lontanamente al "freshness and fitness" di Strava. Attenderò di comprendere a fondo il nuovo sistema e correggerò eventualmente la recensione. Per il momento resto dubbioso. Di primo acchito preferivo il sistema più intuitivo dell'M430. E' apprezzabile comunque il fatto che sul Vantage lo stato di training sia visualizzabile sull'orologio. Fitness test: funzione presente sull'M430 non pervenuta sul Vantage (!, a meno di non essere io stordito). In sostanza una stima del VO2max. Nel manuale è citato ma sull'orologio non si trova. Riepilogo lap sull'orologio: manca la lista e i tempi dei lap sull'orologio post-allenamento (sempre che non sia stordito io). Sull'M430 bastava andare sulla schermata dei lap e pigiare il bottone rosso, sul Vantage nulla succede. Questa mancanza è abbastanza strana. Altre funzioni: alcune funzioni erano presenti sull'M430 e ora sparite sul Vantage (fitness test, riepilogo sonno sull'orologio etc.). Allo stato attuale il Vantage non supporta segmenti, funzioni smart (notifiche messaggi e chiamate), guida al punto di partenza, mappe. Conclusioni: mumble mumble... diciamo che il Vantage è una buona piattaforma. Tuttavia è strano che alcune funzioni, presenti sull'M430, siano sparite sul Vantage. Mettiamola così: volevo veramente mettere 5 stelle perché mi piace Polar e la sua filosofia. Ma proprio non è possibile dare un voto più alto. Il sistema è chiaramente ancora in fase di sviluppo e non ci sono ancora abbastanza funzioni che giustifichino una corsa verso il più vicino negozio per sostituire l'M430. E' un buonissimo sportwatch per la sua fascia di prezzo. Se vi interessa una discreta/buona traccia GPS, un grande sistema di misura FC e non siete possessori di un M430, il Vantage merita sicuramente l'acquisto (sempre che non siano vitali per voi le funzioni smart). Tuttavia, se venite dall'M430, per ora potrebbe valere la pena spremerlo un po' di più e attendere gli sviluppi della piattaforma vantage. In sintesi, per il 2019 mi aspettavo di più. Spero arrivi con i prossimi firmware.

Acquista su Amazon
Condividi il tuo amore