Home / Salute e bellezza / Salute / Il miglior misuratore di pressione del 2018

Il miglior misuratore di pressione del 2018

Il misuratore di pressione, o sfigmomanometro, è un apparecchio che serve a misurare la pressione arteriosa, un valore di grande importanza in quei soggetti con tendenza a patologie quali l’ipertensione ed è comunque un ottimo alleato per monitorare il proprio stato di salute anche se non si hanno problemi particolari.

Noi abbiamo scelto:

  1. Omron M6 Comfort, un misuratore da braccio che per noi rappresenta il migliore prodotto del 2018;
  2. Beuer Sanitas SBM, un modello completamente automatizzato;
  3. Imetec BP2, il dispositivo medico col migliore rapporto qualità/prezzo

Omron M6 Comfort, la migliore scelta con la migliore tecnologia

Il modello M6 di Omron è un misuratore di pressione da braccio con calibrazione OMS. Il suo funzionamento automatico ne fa uno strumento davvero semplice da utilizzare, per tutti. Queste le sue principali caratteristiche:

  • memorizzazione di 100 risultati;
  • rilevazione anomalie;
  • avviso errori di utilizzo;
  • indicazione sostituzione delle batterie;
  • cavo usb per collegamento a pc;
  • possibilità di essere utilizzata da due utenti, con relative registrazioni dei risultati;
  • custodia in dotazione.

Conclusioni

Omron M6 Comfort è indubbiamente il migliore misuratore di pressione del 2018 perché facile da utilizzare, di chiara ed immediata lettura. Il suo funzionamento completamente automatico lo rende adatto anche a chi ha meno dimestichezza con strumenti elettronici. Le sue funzioni non solo coprono l’utilizzo di base dello sfigmomanometro, ma consentono anche di aggiungere rilevazioni come l’indicazione di ipertensione mattutina, che possono tornare molto utili. Uno dei modelli con il set più completo di accessori.

Beuer Sanitas SBM, il misuratore preciso ed essenziale

Facile da utilizzare, Beuer Sanitas è un misuratore di pressione in grado di rispondere alla esigenze di chi necessita di rilevazioni costanti e soprattutto accurate. Calibrato secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’SBM è un valido alleato, in grado di rilevare anche anomalie e irregolarità.

Vediamo le sue principali caratteristiche:

  • memorizzazione di 30 risultati;
  • funzionamento automatico;
  • rilevazione anomalie;
  • avviso di errori di utilizzo;
  • schermo luminoso e grande;
  • arresto automatico;
  • funzione media dei risultati.

Conclusioni

Beuer Sanitas SBM è lo strumento digitale adatto a tutti. Intuitivo, user friendly e molto preciso, davvero eccellente. Il suo punto debole è dato dal fatto che effettua misurazioni davvero essenziali e che non ha la possibilità di collegarsi a dispositivi wi-fi o tramite cavo usb per trasmettere le informazioni rilevate.

Leggi le caratteristiche direttamente dal sito del produttore.

Imetec BP2 – 200, l’acquisto più economico

Si tratta di un misuratore elettronico da braccio, dotato di tecnologia user-friendly, che può essere utilizzato agevolmente anche da chi non ha competenze mediche.

Di seguito i dati tecnici e le sue caratteristiche:

  • calibrazione OMS;
  • avviso rilevazione di aritmie;
  • avviso errore di utilizzo;
  • manicotti calibrati per braccia da 22 a 33 centimetri;
  • media degli ultimi 3 risultati;
  • grande schermo;
  • spegnimento automatico;
  • custodia inclusa.

Conclusioni

Questo modello di misuratore di pressione ha un eccellente rapporto qualità prezzo per la sua precisione e le funzioni che offre. I punti critici sono essenzialmente il fatto che non è dotato di touch screen, per cui per alcuni i tasti possono risultare troppo piccoli, e il suo posizionamento sul braccio richiede un po’ di tempo, che lo rende inadatto a chi ha fretta.

Consulta la scheda tecnica nel sito del produttore.

Perché misurare la pressione arteriosa

Con il termine “pressione arteriosa” si intende la pressione che il sangue esercita sulle pareti delle grosse arterie e rappresenta quindi la forza che lo fa scorrere nel sistema cardiocircolatorio.

La pressione può salire o scendere a seconda dei cicli che il cuore compie in modo ritmico: è massima quando il cuore si contrae per pompare il sangue in circolo (pressione sistolica) ed è minima quando il cuore si rilassa per riempirsi di sangue (pressione diastolica). Si misura in mmHg, ovvero millimetri di mercurio. Solitamente parliamo di pressione alta o di ipertensione quando i valori di pressione sono uguali o superano i 90 mmHg di minima e/o i 140 mmHg di massima. Le forme lievi di ipertensione di solito non richiedono alcun trattamento farmacologico, basta fare attenzione alla dieta; tuttavia, è buona abitudine, anche per i casi meno gravi, mantenere sempre questi dati sotto controllo.

La maggior parte delle persone che soffrono di ipertensione non manifestano alcun sintomo per tantissimo tempo, anche anni. Tuttavia, si tratta di un disturbo che può avere gravissime conseguenze; l’ipertensione può infatti causare, nel tempo, danni progressivi al sistema cardiocircolatorio, fino ad arrivare a ischemie e ictus. Il solo modo di scoprire se anche tu soffri di ipertensione è quello di sottoporsi a controlli costanti e regolari, da riferire poi al medico curante. Se ti trovi ad aver bisogno di monitorare la tua pressione a determinati intervalli, potrebbe essere più comodo per te acquistare un misuratore casalingo, per poter effettuare tutti i test che vuoi nella massima comodità.

Come scegliere un misuratore di pressione

Prima di acquistare un misuratore di pressione ti invitiamo valutare una serie di fattori che sono fondamentali per il suo funzionamento.

Tipologia

Scegliere la tipologia di misuratore di pressione è importante perché determina la modalità con cui funziona lo strumento e anche il modo in cui dovrai utilizzarlo, su te stesso o su altri.

Quelli attualmente esistenti in commercio si distinguono in analogici e digitali.

Il misuratore di pressione, o sfigmomanometro, analogico è lo strumento tradizionale utilizzato dal medico, che sfrutta una pompa di pressione da attivare manualmente.

Per un non addetto ai lavori, non è uno strumento immediato, perché occorre imparare a leggere il misuratore e sviluppare una certa sensibilità per l’auscultazione dei battiti.

Per questo motivo ormai da tempo sono stati sviluppati i misuratori digitali o elettronici, che semplificano di gran lunga l’operazione e che infatti sono attualmente molto più diffusi. Questa tipologia di sfigmomanometri non richiede alcuna abilità o sforzo, basta semplicemente inserire l’arto all’interno dello strumento e attivarne il funzionamento attraverso dei semplici e intuitivi pulsanti. Questo chiaramente lo rende uno strumento facile da utilizzare per chiunque, anche da chi non ha esperienza in campo medicale o da persone in là con gli anni.

Un altro vantaggio dei misuratori di pressione elettronici è dovuto al fatto che questi apparecchi sono dotati di una serie di funzioni che i modelli analogici non possono per ovvi motivi offrire; ad esempio, con i misuratori digitali hai la possibilità di registrare le tue misurazioni in modo da monitorare l’evoluzione delle tue condizioni di salute e i tuoi progressi. Vedremo in seguito anche le altre caratteristiche di funzionamento dei misuratori digitali..

Misuratore da braccio o da polso, quale scegliere?

Un’ulteriore valutazione da fare prima dell’acquisto di un misuratore di pressione è la scelta del modello. In commercio esistono misuratori da braccio o da polso, che consentono di scegliere quindi se infilare il manicotto con lo strumento vero e proprio di misurazione sul polso o lungo il braccio.

L’accuratezza dei due strumenti è esattamente la stessa, quindi non si tratta di scegliere sulla base della performance, ma solo di capire quali esigenze tu abbia per il loro utilizzo. Uno strumento da polso, ad esempio, risulta molto più sensibile rispetto ad uno da braccio; questo significa che durante l’utilizzo devi rimanere perfettamente immobile, perché alcuni movimenti potrebbero influire in maniera negativa sulla rilevazione di certi dati.

Di contro però, il misuratore da polso è molto semplice da utilizzare ed estremanente pratico, perché può essere facilmente trasportato per essere usato anche fuori casa. Questa caratteristica è utile soprattutto per chi ha necessità di effettuare monitoraggi costanti e continui, anche quando si trova ad esempio in vacanza. Infine, persone con un braccio molto grosso potrebbero avere problemi con un misuratore da braccio, per cui in questi casi sarebbe meglio optare per uno da polso potrebbe essere per loro la soluzione migliore.

Informazioni che un misuratore di pressione può fornire

Una delle discriminanti fondamentali per la scelta del misuratore di pressione è capire quali e quanti tipi di informazioni sono in grado di fornire durante la misurazione. Questo non significa, chiaramente, che questi apparecchi possano in alcun modo sostituirsi al parere di un medico esperto, semplicemente possono fornirti una serie di informazioni utili che tu stesso potrai riferire al tuo medico perché possa valutare il tuo stato di salute.

La gamma di informazioni che un apparecchio può fornire dipende chiaramente dal modello che si sceglie. Bisogna dunque verificare che il misuratore di pressione scelto possa registrare tutte le informazioni desiderate; di seguito trovi le principali.

  • Indicatore OMS: ovvero, verifica che sia calibrato in base alle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Questo fa sì che lo strumento fornisca  informazioni mediche affidabili e veritiere;
  • Rilevazione delle aritmie: gli strumenti dotati di questa funzione non solo rilevano il battito cardiaco ma segnalano anche eventuali anomalie riscontrate a chi utilizza il misuratore, segnalando possibili disturbi del battito;
  • Rilevazione delle anomalie: quando i valori registrati risultano non conformi l’apparecchio ti avvisa di tali anomalie;
  • Media di tutti i valori: alcuni misuratori di pressione ti permettono di calcolare una media della pressione generale, oppure mattutina e serale, in base alle rilevazioni che deciderai di fare. Questi modelli possono immagazzinare le informazioni da 2 a 7 giorni e restituirle sotto forma di valori medi. La funzione che abbiamo appena descritto può essere particolarmente sofisticata in alcuni modelli, che arrivano a generare perfino grafici personalizzati con date o valori della pressione e li inviano direttamente, tramite cavo bluetooth o connessione wifi, al tuo smartphone, tablet o pc.

Funzioni del misuratore di pressione

Le funzioni sono un fattore determinante nella scelta di un misuratore di pressione, in quanto consentono un utilizzo più o meno agevole e senz’altro più pratico e veloce dell’apparecchio. Alcune di queste caratteristiche sono poi molto importanti, non semplicemente un plus aggiuntivo; facciamo riferimento, ad esempio, a quelle funzioni che permettono un regolare e preciso monitoraggio delle misurazioni, cosa fondamentale per chi deve controllare la propria pressione ad intervalli regolari per riportare al medico le proprie statistiche.

Come avviene già per molti altri prodotti, anche lo sfigmomanometro risponde alla regola secondo cui “più funzioni ci sono, più il prodotto è costoso”; ecco perché vogliamo offrirti una panoramica generale che ti consenta di valutare bene cosa scegliere e verso quali fasce di prezzo orientarti.

  • Memoria: questa funzione è molto importante per monitorare lo stato della propria pressione in diversi giorni oppure in diversi momenti della giornata. I prodotti più economici ed essenziali non ne sono sempre dotati mentre gli altri, in base a quanto sofisticati sono, offrono una funzione di memorizzazione per un diverso numero di utenti, che generalmente sono due ma diventano illimitati nei prodotti top di gamma. Ogni utente, inoltre ha a disposizione un numero di memorizzazioni, che varia da 20 a illimitato. Questa funzione, inoltre, può essere utilizzata anche per memorizzare le misurazioni di un solo utente ma in diversi momenti della giornata
  • Sveglia: questa funzione consente di impostare un vero e proprio allarme che suona all’orario desiderato, ricordando all’utente che è il momento di misurare la pressione. Questa funzione è utile soprattutto per coloro che, per motivi medici, devono monitorare la pressione quotidianamente oppure più volte nella stessa giornata
  • Arresto automatico: dopo un paio di minuti di inutilizzo, alcuni apparecchi si spegnono automaticamente in modo da evitare di consumare inutilmente le batterie
  • Avviso errori di utilizzo: qualora si commettesse una registrazione sbagliata, l’apparecchio segnalerà che i dati ottenuti sono frutto di un errore e non realistici del reale stato di pressione del paziente
  • Indicazione di sostituzione batterie: utile per effettuare una corretta e tempestiva manutenzione, in modo da non ritrovarsi con l’apparecchio scarico proprio quando serve utilizzarlo
  • Sensore di movimento: rileva qualsiasi movimento che può invalidare il risultato e visualizza un’icona sullo schermo per segnalarlo all’utente
  • Wireless e connettività: alcuni modelli possono collegarsi al tablet e allo smartphone, inviando a questi dispostivi i dati raccolti dalle misurazioni

Facilità di utilizzo

La facilità d’uso è una cosa molto importante da considerare perché si riferisce infatti ad una serie di caratteristiche che rendono il misuratore di pressione più o meno facile da maneggiare e da posizionare in modo corretto, e possono semplificare la visualizzazione e comprensione dei dati rilevati. Questo è davvero molto importante, soprattutto quando ad usufruire di questi strumenti sono persone anziane oppure con poca manualità e dimestichezza con gli apparecchi elettronici.

Gli elementi che compongono il fattore facilità sono l’ampiezza e la chiarezza del display, per leggere bene le impostazioni da selezionare e, successivamente, i risultati registrati dall’apparecchio; la presenza o meno dei pratici comandi touch screen, semplici da gestire soprattutto per persone anziane che potrebbero avere difficoltà con piccoli pulsanti.

Completano le caratteristiche di praticità il funzionamento di tipo totalmente automatico, in cui l’utente deve solo inserire il braccio e premere un pulsante, oppure semi-automatico, per il quale è richiesto un intervento più attivo da parte del paziente. Ma anche la funzione  “parlante” dello strumento, cioè la presenza di una voce che guida che detti i passaggi da fare e legga i risultati, sarà sicuramente la scelta ideale per persone anziane o magari con problemi di vista.

Accessori

Gli accessori non sono certamente il fattore primario nella scelta del migliore  misuratore di pressione, ma uno strumento dotato di un kit completo è sempre un punto a favore di qualsiasi prodotto.

Certamente di solito i misuratori dotati di più accessori sono più costosi; tuttavia ti invitiamo a considerare anche il fatto che non avrai spese aggiuntive da effettuare in un secondo momento per completare il suo utilizzo. In generale, comunque, gli sfigmomanometri non hanno una vasta gamma di accessori; la distinzione essenziale da fare è tra gli accessori per i modelli da braccio e per quelli da polso.

Eccone un elenco:

  • Manicotti extra: parliamo di misuratori di pressione a braccio. Normalmente vengono venduti con un solo manicotto ma alcuni modelli sono dotati di altri pezzi di misura più piccola (adatta per esempio ai bambini) o più grande (per braccia muscolose o grosse);
  • Custodia: è un accessorio che si può trovare sia nei modelli da polso che da braccio. Può essere un astuccio o una valigetta rigida, a seconda della casa produttrice;
  • Alimentatore opzionale: generalmente i modelli da braccio sono utilizzati con pile stilo o batterie ricaricabili. Alcuni misuratori però prevedono già in dotazione un alimentatore facoltativo, per permetterti di scegliere l’opzione a te più consona;
  • Batterie: molto spesso una batteria (o due pile, nel caso di funzionamento con pile) sono incluse in confezione, anche se a volte nei modelli molto economici questo non accade. I modelli più costosi, inoltre, includono delle batterie e pile extra di ricambio oltre a quelle standard già in dotazione.

Quanto costa un misuratore di pressione?

In commercio puoi trovare misuratori di pressione con un costi che oscillano da meno di 20€ a oltre 100€. Questa variazione, abbiamo già detto, si spiega tenendo presenti la varietà di funzioni e il numero di accessori di cui sono dotati i differenti modelli in commercio.

Non lasciarti trarre in inganno dal costo come indicatore primario; vogliamo infatti precisare che un modello più economico non necessariamente si traduce in un prodotto scadente, semplicemente si tratta di uno strumento essenziale e poco versatile. Il prezzo quindi è sì importante, ma solo se valuti le varie possibilità che ti offre uno strumento completo, non la sua veridicità.