Il miglior libro di Marcel Proust del 2021

Ecco la classifica dei migliori prodotti della categoria Libro Di Marcel Proust:

Alla ricerca del tempo perduto: è il più venduto, la valutazione media è 4,3 con 246 recensioni

Alla ricerca del tempo perduto: seconda posizione per questo prodotto

Bestseller No. 1
Alla ricerca del tempo perduto. Ediz. integrale
246 Recensioni

Recensioni

Edizione adatta a chi ha già letto Proust
Il libro contiene una premessa e l'opera integrale nella sublime traduzione di Giovanni Raboni. Non ci sono note, spiegazioni o altro. Lo consiglio a chi abbia già letto Proust magari in un'edizione annotata e lo vuol rileggere (vedi i quattro bei e costodi volumi de "I Meridiani" della Mondadori) perché è l'unica edizione Mondadori non suddivisa in vari tomi. In realtà esiste(va) anche una edizione Newton Compton in volume unico ma certo non è stata tradotta dal grande, grandissimo immenso, Giovanni Raboni ma da una pletora di traduttori (un po' come quella Einaudi ma lì erano quasi tutti traduttori di grande calibro). Il vero problema di questa edizione è il peso e il volume. Non è tascabile, non è leggero e non lo si può quindi leggere a letto. Ultima nota per Amazon. Spedire un volume così fatto senza curarsi di impedire movimenti dentro la scatola di cartone in cui arriva significa condannarlo al danneggiamento. Cosa che è puntualmente avvenuta anche nel mio caso. Nulla di grave s'intende se non fosse che non si comprende come mai un libro acquistato come "nuovo" mi debba arrivare come se fosse stato usato. Pazienza.
é sempre un piacere
possiedo da molti anni la copia cartacea dell'opera completa, riletta e gustata. Ho voluto anche scaricarla sul mio kindle per poterla ritrovare in tutte le occasioni. Leggendo la Recherche puoi ritrovare ogni sentimento/pensiero/emozione da te provato espresso come meglio non è possibile.
Proust auctor maximus
Ovviamente consiglio l'opera, perché è una di quelle cose che va assolutamente letta, anche se a fatica sono arrivato al terzo libro. Col tempo spero di leggere l'intera opera. Finora non mi sono pentito di questo affresco a tutto tondo della Francia del tempo...

Acquista su Amazon
OffertaBestseller No. 2

Recensioni

Lo Stile per lasciarsi andare alla scrittura
Dalla parte di Swann va considerato come l'introduzione di un romanzo molto lungo: per questo motivo non dovete ricercare al suo interno una trama consistente, un finale conclusivo e gli elementi tipici che, anche in un romanzo inserito all'interno di una serie, solitamente servono a valutare l'opera, operazione che, in questo caso, sarà fattibile solamente alla fine della lettura integrale del cofanetto. In questo primo volume troviamo i temi principali e alcuni dei personaggi fondamentali della vicenda, ma a meno di non leggere qualche saggio o critica all'opera intera, il lettore non potrà asserire con certezza di sapere come tutto si evolverà e quale sarà il messaggio perseguito e dimostrato dall'autore con quest'opera. Elemento cardine per l'apprezzamento del libro è, senza dubbio, lo stile con cui è scritto. Sebbene sia oggettivo che la scrittura di Proust sia curata, ben lavorata, ricercata e di alta qualità, essa potrà provocare non pochi problemi ai lettori che le si approcciano e che hanno gusti o desideri contrapposti a ciò che offre il grande narratore francese. Le frasi di Proust sono ricche, lunghe, piene di metafore. Mentre gli accadimenti sono pochi e dosati, le percezioni e le sensazioni occupano la maggior parte del testo, scivolando di riga in riga fino a raggiungere concetti anche molto lontani da quelli da cui si era partiti. È necessario seguire un percorso astruso, dunque, e costellato di indicazioni olfattive ed estetiche, rimembranze lontane o anche solo concetti generali ed astratti. Ogni volta che si ricomincia a leggere questo autore, guardandolo e analizzandolo prima di immergicisi, sembra praticamente impossibile riuscire ad entrarci nuovamente, ma con la giusta concentrazione, e solo se si riesce a godere di uno stile portato ai massimi livelli, vi ritroverete a finire non solo interi periodi, ma anche intere pagine, senza nemmeno accorgervene. È una magia quella che avviene: un attimo prima osservate da esterni e sembra tutto troppo grande e complicato per voi, e quello dopo non vi ricordate nemmeno di averlo pensato. L'autore dona a chi riesce ad amarlo con pienezza, un angolo di pace, che trascina in un luogo e in tempo totalmente differenti e fa dimenticare la propria realtà. Se, invece, non si ha la possibilità di concentrarsi adeguatamente (poco tempo, pensieri e riflessioni che ingombrano la mente e non ci vogliono abbandonare), oppure lo si continua a vedere come qualcosa di ostile, ogni riga potrà portare ad una necessità di rilettura, ad un'incomprensione, ad una fatica a procedere. Il primo e più importante elemento da considerare, dunque, per decidere se iniziare a leggere l'opera è questo: quanta importanza ha lo stile di scrittura per voi? Può temporaneamente rimpiazzare altre vostre necessità, quali la trama avvincente, il ritmo crescente? Inoltre, quanto spazio avete nella vostra mente per la lettura in questo preciso momento della vostra vita?
Grandissimo libro
Grandissimo libro. Da molto tempo sentivo parlare di quest'opera, ma sono sempre rimasto un po' intimorito dalla sua lunghezza. recentemente ho fatto "il grande passo".. ottima scelta. ora capisco tutte le lodi e gli apprezzamenti che si fanno, e mi ci metto anche io: questo libro ha contribuito ad aprire la mia visione della realtà. affascinato da ogni pagina ho alla fine letto questo capolavoro in brevissimo tempo. super consigliato, non abbiate i miei timori iniziali e incominciate subito.
Proust: da riscoprire ai tempi della cancel culture
Il libro è arrivato nei tempi preventivati, le condizioni dello stesso non sono ottime, ma non è nulla di tragico. Niente che una sosta sotto un dizionario non possa rimediare. Non mi dilungherò a recensire l'opera magna di Proust perché non è questo il luogo, voglio solo incoraggiare chi l'ha sempre vissuto come un peso a scuola (perché magari gli è stato presentato da un professore poco entusiasta) a recuperarlo fuori dal sistema e dal ritmo scolastico. Specialmente se avete una vena artistica, di qualunque genere. Ai tempi della cancel culture, dei SJW, della politically correctness ci farebbe davvero bene riscoprire il pensiero dietro Contre Saint-Beuve. E' davvero un peccato che a scuola ci si fermi ad un apprendimento nozionistico e non critico.

Acquista su Amazon