Home / Salute e bellezza / Salute / Elettrostimolatore / Il migliore elettrostimolatore muscolare del 2018

Il migliore elettrostimolatore muscolare del 2018

Nato principalmente con lo scopo di aiutare il recupero post trauma o dopo un’operazione chirurgica che non permette movimenti, con conseguente perdita di tono muscolare, l’elettrostimolatore ha cominciato ad essere utilizzato anche per altri scopi.

Parliamo chiaramente del fine estetico, ma anche di quello sportivo.

Se stai cercando un aiuto da affiancare al tuo quotidiano e costante allenamento, potresti trovare giovamento dall’utilizzo di un dispositivo elettrostimolatore.

Qui di seguito di indichiamo i tre migliori elettrostimolatori muscolari:

  • iFanze Elettrostimolatore Muscolare: il più venduto su Amazon, adatto per ogni zona del corpo;
  • Beurer EM 37: la comodità di una cintura, specifica per il tono dei muscoli addominali;
  • Imate Xpower: con il rivoluzionario sistema ”six pack”, dotato in aggiunta di due elettrodi liberi, ottimi da posizionare su diverse parti del corpo (glutei, bicipiti, quadricipiti, ecc).

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di ognuno.

iFanze Elettrostimolatore Muscolare: ottimo rapporto qualità/prezzo

 

Amatissimo sul web, ecco le caratteristiche di questo innovativo dispositivo:

  • è dotato di ben 8 elettrodi: un numero al di sopra della media;
  • gli elettrodi sono indicati per un utilizzo di 25/30 volte: durata nella media;
  • ha 2 canali indipendenti;
  • ha 8 programmi tra cui scegliere;
  • si può utilizzare in qualsiasi parte del corpo, grazie agli elettrodi liberi;
  • è indicato per migliorare il tono muscolare, ma ha anche diversi programmi dedicati alla cura del dolore: è quindi indicato anche in situazioni di dolori alle cervicali, schiena, nervo sciatico, ecc;
  • ha un display rapido e intuitivo: molto bello e ben strutturato, a colori, indica esattamente il tipo di trattamento scelto, dove andrà ad agire e in che modo; ha diversi colori per indicare i diversi livelli di intensità; le immagini che compaiono sul display aiutano per un corretto posizionamento degli elettrodi. E’ quindi adatto anche a chi si avvicina per la prima volta all’utilizzo di un elettrostimolatore;
  • è dotato di un manuale d’uso esaustivo, con consigli sui programmi da selezionare a seconda della zona del corpo da trattare;
  • la batteria al litio è ricaricabile comodamente tramite un cavetto USB (incluso nel kit d’acquisto), e comunque non necessita di essere ricaricata frequentemente;
  • ottimo rapporto qualità/prezzo: indicato anche per chi è indeciso sull’acquisto di un dispositivo di questo tipo. Un piccolo prezzo per un ottimo prodotto molto valido.

 

Non si tratta di una marca molto conosciuta, ma gli utenti parlano chiaro: chi lo ha acquistato non lo cambierebbe con nessun altro dispositivo di questo tipo!

Beurer EM 37: top per gli addominali!

Per un utilizzo più mirato rispetto al precedente dispositivo, ecco le sue caratteristiche:

  • è una cintura addominale: e questo significa che è studiato appositamente per tonificare e dare sostegno ai muscoli addominali, sia centrali che laterali;
  • è di facile utilizzo: i comandi sono inseriti su un piccolo dispositivo posizionabile direttamente sulla cintura, senza alcun cavetto ingombrante appeso; e soprattutto sono presenti solo 4 intuitivi tasti, con un piccolo display visibile comodamente anche durante il trattamento;
  • la cintura è regolabile: dai 70cm ai 140cm;
  • la cintura è di tessuto traspirante;
  • grazie alla possibilità di rimuovere il dispositivo di comando, la cintura è comodamente lavabile;
  • consente di selezionare 5 programmi di allenamento (di durata dai 22 ai 31 minuti);
  • 40 livelli di intensità regolabili: per rendere graduale l’emissione dell’impulso elettrico;
  • è dotato di timer di countdown, funzione di autospegnimento, di pausa, di arresto di sicurezza, blocco tasti, indicatore dello stato di batteria;
  • gli elettrodi sono posizionati all’interno della cintura non c’è alcun bisogno di sostituirli o di acquistare un gel da spalmare su di essi: tutto pronto all’uso, senza alcuna particolare manutenzione!;
  • per una perfetta aderenza alla pelle e un’efficacia maggiore del trattamento, è necessario inumidire gli ettrodi e la pelle con un pò d’acqua;
  • il prezzo è interessante: non il più economico, ma con una buona qualità prezzo, contando anche in conto che la marca Baurer è specializzata in dispositivi elettrostimolatori, e ne propone di diverse tipologie, tra cui anche diversi modelli di questa cintura.

 

 

Un piccolo difetto di questo dispositivo  sicuramente l‘alimentazione: infatti esso funziona con tre batterie AAA (comunque incluse nel kit d’acquisto), e se utilizzate la cintura con frequenza giornaliera (come consigliato), la sostituzione delle batterie va fatta in media ogni 3 settimane.

Imate Xpower: six pack!

 

Dalla forma innovativa e curiosa, ecco le sue caratteristiche principali:

  • formato principalmente da tre parti: l’elettrostimolatore ”a six pack” e altri due più piccoli, adatti ad essere posizionati su diverse parti del corpo; adatto a glutei, braccia, quadricipiti, polpacci;
  • presenta 15 programmi di allenamento diversi;
  • si possono selezionare 15 intensità diverse;
  • è flessibile e confortevole: si piega il giusto per garantire la perfetta aderenza all’epidermide;
  • gli elettrodi sono ricoperti di un leggerissimo gel autoadesivo, che rendono l’acquisto a parte di un gel conduttore del tutto superfluo;
  • il controller del dispositivo è wireless: niente fili ingombranti, potete comandare tutto comodamente dal palmo della mano;
  • gli elettrodi sono sufficientemente separati, per garantire un‘ottimale pulizia del dispositivo, senza però andare a compromettere l’efficienza del trattamento mirato;
  • adatto per uomini e donne: la sua forma lo rende adattabile ad entrambe le tipologie di fisico;
  • nel kit d’acquisto sono compresi 4 cavetti di alimentazione, per poter caricare contemporaneamente tutti gli accessori e il controller;
  • è comodo e discreto: adatto da utilizzare anche sotto gli abiti, qualsiasi cosa stiate facendo; è silenzioso e non dà nell’occhio!

 

Un difetto di questo dispositivo è il manuale d’uso. E’ sicuramente esaustivo e presenta diversi consigli e modalità di allenamento, ma attenzione a chi non sa l‘inglese: esso, infatti, arriva solo in questa lingua.

Un altro aspetto su cui porre l’attenzione è il prezzo: sicuramente importante per un dispositivo che non può essere utilizzato in tutte le parti del corpo, e soprattutto che presenta la sola tecnologia EMS.

Tuttavia, gli utenti che l’hanno acquistato per migliorare la tonicità muscolare, ne sono soddisfatti e lo riacquisterebbero.

 

Come scegliere l’elettrostimolatore muscolare

L’elettrostimolazione è una tecnica che, attraverso gli impulsi elettrici, va appunto a stimolare il muscolo in maniera mirata, eccitandone le fibre muscolari.

Questo avviene ovviamente grazie agli elettrodi, collegati al dispositivo tramite fili, e che fanno arrivare l‘impulso elettrico (di intensità solitamente selezionabile) direttamente sulla pelle, in corrispondenza del muscolo che si vuole trattare.

L’elettrostimolazione simula il naturale allenamento del muscolo, in maniera più verosimile possibile. E’ indicata soprattutto nel recupero o in presenza di problemi muscolari localizzati.

Tuttavia, viene utilizzata spesso anche da atleti professionisti, chiaramente non per sostiuire un allenamento, ma per aiutare a mantenere la tonicità muscolare, soprattutto nei giorni o nei momenti di riposo.

L’importante è assicurarsi di non sollecitare solo un muscolo, ma anche il suo antagonista, in maniera il più equilibrata possibile: per questo il corretto posizionamento degli elettrodi è fondamentale per la corretta riuscita del trattamento.

 

La stimolazione di un muscolo tralasciandone l’antagonista, infatti, può alla lunga creare un pesante squilibrio muscolare, con conseguenti problemi che non vanno presi alla leggera. Un  corpo ben allenato in modo naturale infatti, tende a stimolare tutti i muscoli localizzati vicini. Per garantire un corretto sostegno della muscolatura, quindi, l’elettrostimolazione deve agire nello stesso modo.

Il nostro consiglio è quello di confrontarvi con il vostro medico per un iniziale consiglio, per evitare di creare danni alla vostra muscolatura, anziché aiutarla e sostenerla. Una volta ottenuto il via libera da parte del vostro medico, allora potete cominciare a guardarvi intorno alla ricerca del dispositivo più adatto a voi.

Visto che il mercato è pieno di dispositivi elettrostimolatori, come possiamo individuare quello più indicato per i nostri fini? Qui di seguito trovate qualche caratteristica da tenere a mente durante la scelta.

Funzioni

 

Avete in mente di utilizzare il vostro dispositivo solo per sostenere la vostra muscolatura, o volete un dispositivo più completo che possa aiutarvi anche nel curare quel fastidioso dolore che vi tormenta?

A seconda della vostra risposta, potrete orientarvi verso dispositivi:

  • EMS: mirati per il sostegno della muscolatura;
  • TENS: veri e propri dispositivi medici, indicati per curare e alleviare dolori, spesso alternativi a medicinali analgesici;
  • con scopi estetici: garantiscono massaggi drenanti e rilassanti, diminuzione della cellulite, ecc;
  • tutto in 1: molti dispositivi comprendono tutte e tre le funzioni sopra citate.

Forma

In base alla zona su cui volete concentrare l’elettrostimolazione, esistono, come abbiamo visto negli esempi dei tre dispositivi sopra analizzati, diverse forme. 

 

Dalla cintura, alla forma cosiddetta ‘‘a six pack’‘, per la stimolazione specifica dei muscoli addominali, si passa ai dispositivi con elettrodi liberi, adatti ad essere posizionati su qualsiasi parte del corpo.

Esistono anche altri dispositivi, specifici per esempio per i muscoli del ginocchio, o pensati appositamente per i glutei. Quindi è fondamentale pensare all’uso che andrete a farne.

Pensate, comunque, che avere un dispositivo con elettrodi liberi ha il pro di poter essere utilizzato ovunque, ma anche un contro: in questo caso, infatti, sarete voi a dover posizionare correttamente gli elettrodi.

Nelle cinture addominali, in quell ”a six pack”, o più in generale nei dispositivi pensati appositamente per una zona specifica del corpo, gli elettrodi sono già inseriti in modo mirato. Non vi occorrerà spendere del tempo a ”studiare” la corretta posizione degli elettrodi prima di ogni seduta di trattamento!