Il miglior libro di gianrico carofiglio del 2022

Classifica dei migliori prodotti della categoria Libro di gianrico carofiglio:

La disciplina di Penelope: si tratta del prodotto migliore in base al numero e alla media delle recensioni, ha ottenuto una recensione media di 4 con 7562 recensioni.

Rancore: medaglia d’argento per questo prodotto, la recensione media è di 4.1 con 5710 recensioni.

La misura del tempo: terza posizione per questo prodotto, con una recensione media da parte degli utenti di 4.1 con 3170 recensioni.

La disciplina di Penelope

Miglior Prodotto

La disciplina di Penelope

7562 Recensioni

Le recensioni degli utenti

E bravo Carofiglio ancora una volta!
Carofiglio non delude mai, anche se questo romanzo (breve, per carità, ma non si giudica un’opera dal numero di pagine, via….) lascia molti sospesi, segno inequivocabile della speranza di un seguito (che ho già anche letto….). Non apprezzo molto il dover aspettare mesi per chiarire dei retroscena che, se pure ininfluenti sul giallo contingente, condizionano la mia percezione dei personaggi della storia, o serie. Se questi particolari sono poco significativi (cosa mangia a colazione o ricordi d’infanzia che approfondiscono il personaggio ma poco o nulla aggiungono) vada. Ma se, come qui, stanno alla base di tutte le scelte di tutta la giornata e la vita della protagonista resta un po’ di amaro in bocca. Anche perchè all’uscita del prossimo episodio i particolari non li ricordo più! E’ molto più drammatico con altri autori (tipo Donato Carrisi dove proprio non capisci la storia corrente se non ti ricordi i dettagli degli episodi precedenti….), però non è proprio piacevole. Questo è costato una stella, perchè sennò il libro 5 le vale tutte e lo consiglio caldamente. Bella la caratterizzazione dei personaggi, abbastanza credibile la storia e ben rifinita, le dissertazioni dell’autore sono sempre magistrali. Bravo!
Il tumulto e la quiete e lo sconfinato scenario delle esistenze (cit).
La capacità narrativa a cui ci ha abituato Carofiglio anche in questo racconto si esprime al massimo grado: e la “disciplina” del personaggio centrale ne è l’esatta metafora. (Noto che anche il ‘personaggio’ minore, Olivia, si muove specularmente con la stessa precisione). L’aderenza fra l’interprete del racconto e la scrittura dell’autore (né una virgola né alcuna parola mai fuori posto, per entrambi) tuttavia qui mi ha lasciato un po’ sconcertata, come se la qualità fosse anche il difetto, e l’intreccio ne sia risultato un po’ troppo ‘costruito’ a freddo. Manca, o forse non è del tutto esplicito, quello ‘scarto’ dove si può insinuare il sentimento, il piccolo ‘particolare’ che sa portare ‘altrove…del resto questa disciplina è proprio l’argomento -e il titolo!- del racconto. L’altra Penelope che conosciamo tutti , tesse la tela di giorno e poi la disfa di notte, per amore… Qui “il tumulto e la quiete”, nonché il ricordo delle antiche Erinni, mi sono parsi più citati che partecipati. Che dire? Sempre grande Carofiglio, e consigliato, anche se, alla fine, non ho aggiunto la 5 stella.
Una detective problematica
Gianrico Carofiglio ha una penna dotata di un talento superiore. Riesce a tenere la tensione del lettore sulla narrazione in modo esemplare. La lingua è forbita, raffinata, ma non disturba una lettura piacevole. D’altro canto, i suoi successi di vendita e nei concorsi letterari lo dimostrano. Non sarebbe meglio centellinare questo talento per opere più profonde ed elaborate ? La protagonista, Penelope, risente di alcuni stereotipi del mainstream sull’immagine femminile contemporanea. La sua psiche angosciata e sospesa tra determinazione ed insicurezza richiama l’avvocato Guerrieri. E’ una storia che si legge in modo scorrevole, piacevole, ma lascia poche tracce.

Acquista su Amazon

Rancore

Miglior Prodotto #2

Rancore

5710 Recensioni

Le recensioni degli utenti

Un giallo interessante
Penelope Spada, un’investigatrice, avvocato ed ex magistrato, pur non avendo una vera e propria autorizzazione, sfida un’intrecciata ed oscura indagine per un delitto di un “barone universitario ricco e potente”. Incontrerà alcuni personaggi che le faranno recuperare parte del suo passato, anch’esso misterioso e complicato. Alla fine sorriderà con la sua fedele compagna Olivia, un bull terrier adottato.
Dal punto di vista di una donna
Ho letto il libro sorprendendomi di vederlo raccontato da una donna, anche se la riconosciuta sensibilità e capacità di introspezione dell’autore è cosa nota. Una storia che rimbalza tra passato e presente, con un finale non scontato. L’ho letto d’un fiato e mi ha lasciata piacevolmente soddisfatta. Lo consiglio certamente
trama gialla un po’ debole, ma davvero ben scritto
anche se la trama del giallo è un po’ debole (mi aopinione ovviamente), e gli inserti dal passato della protagonista sembrano voler “tappare” questa lacuna, è molto piacevole da leggere e contiene anche alcune riflessioni non banali

Acquista su Amazon

La misura del tempo

Miglior Prodotto #3

La misura del tempo

3170 Recensioni

Le recensioni degli utenti

“Il tempo è un’entità incomprensibile”.
E’ sempre piacevole leggere Gianrico Carofiglio. Accanto alle vicende che narra, quasi sempre giudiziarie, dispensa pillole di saggezza, citazioni dotte, riflessioni che inducono il lettore a meditare su aspetti della vita che sembrano ovvii ma che, pensandoci bene, non lo sono perché mascherano o nascondono del tutto verità spesso amare. Il tema fondamentale del romanzo è il tempo, una “entità incomprensibile” afferma l’autore, che scorre e che può cambiare la vita di tutti, che può cancellare ricordi che sembravano indelebili o improvvisamente far rivivere situazioni e suscitare rimpianti e nostalgie. Naturalmente c’è una donna di mezzo, Lorenza, che il protagonista, l’avvocato Guido Guerrieri ( alter ego dell’autore) conosce in gioventù appena laureato, ragazzo timido e impacciato alle prese con una lei disinvolta, disinibita: una storia d’amore concitata, una vacanza in un’isola da sogno, un abbandono rapido e inspiegabile. Passano decenni, Guerrieri è un rinomato avvocato, incontra di nuovo Lorenza che lo scongiura di assumere la difesa del figlio, un piccolo spacciatore in prigione per omicidio. L’avvocato accetta, l’arringa di difesa non ottiene l’effetto desiderato. La condanna è confermata ma un colpo di scena a distanza di anni metterà le cose a posto. Lorenza ,dopo anni e anni, mostra i segni del tempo: si arrangia con lavori precari, è una figura scialba, ingrigita, dimagrita, non è più la donna che ha fatto sognare e ingelosire l’avvocato, che ora è più maturo, distaccato, quasi senza rimpianti. Il tempo ha inesorabilmente cancellato ricordi e nostalgie, proprio quel tempo, scrive Carofiglio, che scorre lento in gioventù, pieno di avvenimenti e di novità, e che appare invece passare più velocemente nella vecchiaia, monotona, i giorni sempre uguali, una via che si restringe poco a poco in un sentiero senza sbocchi. Il tempo, conclude l’autore, se non possiamo sprecarlo o programmarlo, è solo qualcosa che va grosso modo in una direzione la cui destinazione finale è nota. Lo stile di Carofiglio è impeccabile come al solito, nel complesso un ottimo romanzo che consiglio di leggere.
Bello ma non il più bello dei 6 letti
Bello, ma non il migliore tra i 6 libri di Guido Guerrieri che ho letto, però comunque da leggere se sono piaciuti gli altri.
ottimo
bel libro interessante

Acquista su Amazon

Condividi il tuo amore