Home / Infanzia e bambini / Fuori casa / Carrozzina / La migliore carrozzina per bambole del 2018

La migliore carrozzina per bambole del 2018

Giocare con le bambole, giocare a fare la mamma. E’ importante e naturale che una bambina (ma anche un maschietto!) voglia prendersi cura di bambole e pupazzi, imitando comportamenti e azioni amorevoli che vede quotidianamente nei genitori. E quindi quale miglior regalo per assecondare questa necessità atavica che si trasforma in ore di divertimento dentro e fuori casa che non una carrozzina per le bambole?

Di seguito ti diamo delle idee e dei suggerimenti su come scegliere la migliore carrozzina per bambole del 2018.

Ecco le nostre scelte top:

Vediamo adesso nel dettaglio come scegliere la soluzione migliore per te:

Trendy Lilla, la miglior carrozzina per bambole del 2018

La Trendy Lilla è decisamente la migliore carrozzina per bambole del 2018. È praticamente una carrozzina in miniatura, identica in tutti i dettagli ad una carrozzina vera, e darà ai vostri bambini la perfetta illusione di portare a spasso un bebè. È adatta a bambole fino a circa 46 cm ed è corredata di borsa e vano portaoggetti integrato in cui c’è posto per tutto quello che serve alle piccole mamme.

Ha un manubrio regolabile, che vai dai 35 ai 68 cm, il che consente al giocattolo di crescere insieme al bambino. È facile da trasportare visto che si riesce a piegare, proprio come quella vera.  La consegna avviene in confezione regalo e la carrozzina è di una bella sfumatura di viola, per chi non ama la vita necessariamente tutta in rosa.

È solida, sia nella struttura che nel tessuto. Ha le ruote girevoli che la rendono abbastanza maneggevole per strada e in più sono abbastanza grandi, quindi la carrozzina non corre il rischio di ribaltarsi.

Chiaramente non è un giocattolo economico, ma considerandone la qualità e il fatto che ci si può giocare per vari anni, alla fine risulta un buon rapporto qualità/prezzo.

Contro: la borsa è piccolina, la foto sulla descrizione del prodotto inganna un po’.

Conclusione: la migliore scelta di carrozzina per bambole, soprattutto se si vuole fare un regalo un po’ impegnativo, visto il costo non proprio abbordabile.

 

Mama Mia Glam, la carrozzina col miglior rapporto qualità/prezzo

La Carrozzina Easytoy con borsetta è la carrozzina per bambole con il miglior rapporto qualità/prezzo fra quelle che abbiamo esaminato. A un prezzo abbastanza accessibile, l’abbiamo trovata una carrozzina che risponde alle aspettative in termini di struttura, materiali e aspetto. È chiaramente un giocattolo più economico e pertanto meno curato nei dettagli, ma ha tutte le carte in regola per soddisfare la voglia di giocare alla mamma dei vostri bambini. È nella classica tonalità di rosa, ma con delle fantasie veramente accattivanti.

È dotata di portaoggetti e borsa di tessuto per contenere tutti gli accessori anche per le mammine più esigenti. E, come una carrozzina vera, è richiudibile e la capote si può spostare per poter vedere meglio bambole e pupazzi.

Contro: il fondo della carrozzina è fatto di un foglio di cartone, non molto solido o durevole.

Conclusione: una carrozzina economica che farà comunque divertire per tantissimo tempo i vostri bambini.

Labebe Carrello Spesa

Abbiamo scelto il Labebe Carrello Spesa come nostra terza opzione perché è una soluzione unisex (chi ha detto che solo le bimbe possono portare a spasso bambole e pupazzi…?) e serve ai più piccoli per imparare a camminare.

È decisamente un bell’oggetto, interamente in legno e dai bei colori vivaci e un disegno che ricorda un… elefante? Tutto rispettando le norme europee di sicurezza dei giocattoli. Può avere diverse funzioni: contenere piccoli giocattoli, carrozzina per bambole e pupazzi, carrello della spesa immaginaria e girello per aiutare il vostro bambino a fare i primi passi e oltre. 

La base è larga e bassa e aiuta a mantenere l’equilibrio, rendendone impossibile il ribaltamento. Non è pesante, quindi può essere spinto con facilità anche dai più piccoli

Le ruote sono facile da manovrare, anche su tappeti o moquette. Queste, inoltre sono rivestite di gomma, per dare migliore aderenza ed evitare strisce o rumore sul pavimento.  

Contro: arriva smontato e bisognerà armarsi di cacciavite e istruzioni per assemblarlo. Ma è molto semplice e sicuramente alla portata di chiunque.

Conclusione: un gran bel giocattolo, adatto sia a bimbi che a bimbe fatto di materiali naturali (e per questo un po’ più caro).

 

Adesso che avete deciso quale carrozzina acquistare per i vostri bambini, abbiamo voluto chiedere ad un esperto qual è il fascino particolare del gioco con le bambole, in cui si simula la vita degli adulti in tutti i dettagli. Ecco che cosa ci ha detto:

Giocare con le bambole: perché è così importante per un bambino?

In termini generali il gioco ha un ruolo molto importante nello sviluppo psicologico, fisico e sociale dei bambini. Attraverso le attività ludiche si stimolano la fantasia, la creatività, la socializzazione, lo sviluppo motorio, la consapevolezza e la conoscenza di sé, inoltre si facilita l’elaborazione, la comprensione e il contenimento delle proprie emozioni, alleviando le tensioni e le paure.

Il bambino cresce e impara le competenze che gli saranno utili nella vita osservando il mondo attorno a sé e in particolare imitando le azioni e i comportamenti a cui gli adulti dedicano maggior cura. E’ importante e naturale che un bambino, maschio o femmina che sia, voglia giocare con le bambole, prendersene cura, vestirle e cucinare, attraverso questa azione elabora e prende maggior consapevolezza di ciò che in modo amorevole viene dato a lui. E’ talmente una necessità atavica che spesso osservandoli nel gioco è possibile notare come un qualsiasi oggetto possa diventare un ‘essere vivente umanizzato’.

Cosa proietta nella bambola?

La bambola, o il pupazzo o talvolta persino un lembo di lenzuolo, è quell’amico che si può portare sempre con sé e che fa compagnia anche quando la mamma o il papà non sono li a rassicurare e rasserenare. Rappresenta un legame forte e molto reale che permette al bambino di essere traghettato attraverso le paure, le fatiche e le prove quotidiane. Esso è molto più di un semplice oggetto, è capace di tranquillizzare, incoraggiare, coccolare ma allo stesso tempo rappresenta anche colui verso cui scaricare la rabbia e l’aggressività senza il timore di esserne tradito. Il bambino è consapevole che la bambola è li per lui, a sua completa disposizione finché lo desidererà.

Può accadere che conflitti familiari siano messi in scena nel gioco con la bambola?

Nel gioco i bambini raccontano la quotidianità, i desideri, le gioie ma anche le paure e le sofferenze. Nel rapporto con la propria bambola il bambino ha la possibilità di trasferire ciò che sperimenta su se stesso e nei rapporti con gli altri. Non a caso di frequente la bambola prende il nome di un amico o un parente caro al piccolo, o talvolta addirittura di se stessi. E’ possibile quindi che nel gioco emergano delle situazioni conflittuali vissute nel nucleo famigliare, tuttavia non significa che se il bambino giocando con la bambola mette in scena un litigio esso sia necessariamente la rappresentazione di qualcosa che è accaduta nella realtà. Il bambino osserva ed elabora a modo suo le informazioni. Esistono degli strumenti specializzati che permettono di valutare quanto di quello che emerge dal gioco sia attinente alla realtà ed è possibile consultarli qualora emergano frequentemente segnali di forte disagio, ma è importante preservare da eccessivi allarmismi lo spazio ludico, altrimenti si rischia di togliere la spontaneità a ciò che di più bello un bambino può vivere.