Home / Infanzia e bambini / Alimentazione / Il miglior sterilizzatore del 2018

Il miglior sterilizzatore del 2018

Se hai la necessità di acquistare uno sterilizzatore per il biberon del tuo bambino o anche per alcuni utensili come forbici e coltelli, puoi sceglierlo tra svariati modelli presenti in commercio. In riferimento a ciò, in questa recensione parliamo del modello migliore ovvero il Philips Avent SCF284/02 che funziona a caldo, e sterilizza ciucci e biberon in pochissimi minuti e con la massima efficacia.

Il secondo modello di sterilizzatore con il miglior rapporto qualità/prezzo, è invece il Philips Avent SCF281/02 che bisogna usarlo in  un forno a microonde poiché funziona con vapore acqueo. Infine parleremo del modello Chicco SterilNatural 2 in1 che come si evince dalla denominazione stessa è multifunzionale. Il prodotto è quello più venduto tra gli sterilizzatori presenti nei negozi e sugli store online come Amazon.

 

Philips Avent SCF284/02 : il migliore in assoluto

Lo sterilizzatore Philips Avent SCF284/02 nelle recensioni si merita un voto decisamente alto, e ciò grazie al fatto che è  uno sterilizzatore funzionante a caldo con una potenza di 650 Watt. Il  prodotto tra l’altro consente di  sterilizzare in pochi minuti tutti gli accessori di un  bambino come ad esempio il ciuccio, il biberon o anche i classici giocattoli in gomma di tipo omologati. Inoltre acquistare questo sterilizzatore della Philips significa ottenere un altro grosso vantaggio; infatti,  si può utilizzare più volte al giorno, tenendo conto che il suo consumo energetico è davvero minimo.

 

Anche dal punto di vista della  capienza questo modello di sterilizzatore è particolarmente interessante, in quanto è multifunzionale  del tipo 3 in 1, il che significa scegliere il contenitore adatto partendo dal più piccolo ed in base al quantitativo di oggetti da sterilizzare. Il Philips Avent SCF284/02 è dunque un  modello molto versatile, che consente di ottimizzare sia il tempo che lo spazio.  Il contenitore più grande ad esempio si usa per le bottiglie dei biberon, e ne può ospitare fino a 6 grandi (da 330 ml).

Un altro fattore di rilevante importanza e che merita di essere descritto riguarda i tempi necessari per la sterilizzazione; infatti, nonostante possa variare in base al quantitativo di oggetti inseriti, sono decisamente minimi e sorprendenti, ed in genere sono sufficienti appena 6 minuti per completare il  ciclo di sterilizzazione. A lavoro ultimato, l’apparecchio si spegne in modo automatico.

 

Questo veloce  ciclo di sterilizzazione rende l’apparecchio una valida alternativa al modello da forno a microonde che, come avrai notato è presente nella nostra recensione. Un ultimo ma non per questo non importante fattore di valutazione in merito al Philips Avent SCF284 02 riguarda l’uso del semplice vapore acqueo, quindi la sterilizzazione avviene al 100% ed in modo naturale. In tal modo si evita  l’utilizzo di sostanze chimiche che oltre ad essere dannose per la salute del bambino, potrebbero anche corrodere con il passar del tempo alcuni elementi meccanici che  sono in polipropilene, ovvero una tipologia di plastica molto resistente al calore soprattutto privo del tossico Bisfenolo. A margine va sottolineato che questo  prodotto è facilmente lavabile sia a mano che in una lavastoviglie.

 

Vantaggi

  • Composizione del corpo macchina in base alle varie esigenze
  • Processo di sterilizzazione molto veloce
  • Apparecchio dotato della funzione di autospegnimento
  • Compatibile anche con prodotti di altri brand per l’infanzxia

Svantaggi

  • Non è un apparecchio portatile

 

Philips Avent SCF281/02: lo sterilizzatore con un ottimo rapporto qualità/prezzo

Lo sterilizzatore Philips Avent SCF281/02 funziona anch’esso con il vapore acqueo, ma tuttavia come già accennato in precedenza non è elettrico bensì si tratta di un  prodotto appositamente progettato per utilizzarlo nel forno a microonde.

Questa particolare modalità d’uso permette di procedere alla sterilizzazione in un tempo decisamente breve, ma tuttavia il modello potrebbe rivelarsi inadeguato visto che per utilizzarlo il forno a microonde è indispensabile. Inoltre non dispone di alcun cavo elettrico aggiuntivo, è non può essere adoperato per la sterilizzazione a freddo. La tecnologia a microonde è comunque una delle preferite per la maggior parte dei  consumatori, in quanto consente di massimizzare il risultato con un costo minimo ed in tempi brevi.

 

Il Philips Avent SCF281/02 è uno sterilizzatore molto compatto, e le sue dimensioni si adattano a quasi tutti i modelli di microonde disponibili sul mercato, e nel contempo consente di igienizzare svariati oggetti contemporaneamente. La Philips suggerisce in tal caso di inserire massimo 4 biberon  da 330 ml cadauno, anche se  all’interno si possono mettere nello stesso tempo i tiralatte, piattini o alcuni giocattoli.

Per quanto riguarda invece i tempi necessari per la sterilizzazione, va detto che il Philips Avent SCF281/02 è davvero eccellente; infatti, in relazione alla potenza impostata sul microonde, la durata varierà ma sempre rimanendo con una tempistica accettabile. La potenza di questo sterilizzatore del brand Philips, oscilla tra i 1200 e i 1850 Watt ed il ciclo dura appena 120 secondi, mentre tra 850 e 1100 Watt sono necessari 4 minuti così come ne occorrono 6 se si utilizza l’impostazione compresa tra i 500 e gli 800 Watt.

 

Indipendentemente da ciò, l’apparecchio si può utilizzare più volte al giorno senza che influisca ai fini del consumo energetico. Quando si utilizza lo sterilizzatore nel forno a microonde, è tuttavia importante eliminare in quest’ultimo la funzione grill oppure quella ventilata, poiché  entrambe potrebbero danneggiare l’apparecchio, e nel contempo influire sul processo di sterilizzazione rendendolo inadeguato alle aspettative.

Per quanto riguarda infine il fattore uso, va sottolineato che questo modello di sterilizzatore essendo molto  leggero e quindi decisamente maneggevole (pesa soli 740 g) si può utilizzare dovunque, e le sue caratteristiche inoltre lo rendono ideale per viaggi e quindi con la possibilità di usarlo anche lontano da casa, premesso che sia disponibile un forno a microonde.

 

Vantaggi

  • Ciclo di sterilizzazione molto veloce
  • Adattabile a tutti i tipi di forni a microonde
  • Facilmente trasportabile per il peso minimo

Svantaggi

  • Nessuno

 

Chicco SterilNatural 2in1: il modello più gettonato

Il modello di sterilizzatore Chicco SterilNatural 2in1 è uno strumento che funziona con la corrente elettrica. Questa è una tecnologia che molti critici ritengono sia la migliore, in quanto consente di ottimizzare il risultato in poco tempo e inserendo più oggetti contemporaneamente.

La potenza impegnata dal modello di sterilizzatore in oggetto è  di 450 Watt, quindi parliamo di  un valore non eccessivo ma più che ma sufficiente per sanificare in tempi brevi un biberon o un ciuccio. Questo modello tra l’altro consente di scegliere due tipologie diverse di configurazione; infatti, la prima consiste nell’impostarlo per piccoli oggetti, mentre la seconda per sterilizzare quelli più grandi.

 

Grazie a ciò l’apparecchio si può adattare a delle specifiche esigenze e a massimizzare il risultato in poco tempo e ad un costo energetico basso. Per quanto riguarda la capienza lo sterilizzatore Chicco SterilNatural 2in1 consente di introdurre due diverse tipologie di contenitori e di utilizzarli insieme o separati.

Il più piccolo, è ideale soprattutto per ciucci, piattini oppure posate, mentre quello grande consente la sterilizzazione di biberon da 330 ml fino ad un massimo di 6 contemporaneamente. Il prodotto è dunque ideale per chi necessita di sanificare nell’arco di una giornata più oggetti, senza che il consumo energetico influisca sul budget.

 

Il modello di sterilizzatore della Chicco tra l’altro, offre l’opportunità di sanificare non solo i prodotti commercializzati dal suo stesso brand ma anche di altri, il che si rivela un ottimo vantaggio per chi sceglie per i propri bambini diversi marchi. A margine va sottolineato che un altro rilevante fattore riguarda il ciclo di igienizzazione che si completa in tempi brevi stimati sui 5 minuti, con esclusione di quelli necessari per riscaldare l’acqua. Infine va detto che in un giorno, si possono eseguire delle sterilizzazione multiple senza che influiscano sui consumi energetici, e che l’apparecchio al termine di ognuno dei cicli si spegne in automatico.

 

Vantaggi

  • Due configurazioni eseguibili in base alle esigenze
  • Tempo del ciclo di sterilizzazione decisamente ridotto
  • Compatibile anche con prodotti per l’infanzia di altri brand

Svantaggi

  • Non è portatile e non vanta accessori extra

 

Come scegliere uno sterilizzatore

Non importa quanto tu sia attento a tenere il bambino lontano da animali e giochi pericolosi, o quanto sia pulita la tua casa, ma di fondamentale importanza è evitare che possa entrare in contatto con batteri e germi. Per tutto il tempo in cui il tuo bambino usa il biberon o il ciuccio, dovrai quindi usare uno sterilizzatore adeguato per pulirli  in modo efficiente.

Poiché il sistema immunitario dei bambini è ancora in via di sviluppo, sono suscettibili a malattie e ad infezioni. Il latte tra l’altro è un terreno fertile per i batteri, e la pulizia con un sapone detergente potrebbe non essere sufficiente. Questo è il motivo per cui le madri per anni preferivano far bollire una pentola di acqua calda e immergevi le bottiglie e i ciucci per la sterilizzazione.

Fortunatamente, il progresso tecnologico ha contribuito allo sviluppo dei  migliori sterilizzatori per biberon che si adattano a qualsiasi tipo di budget si dispone.

 

 

Cosa può accadere se un biberon  non è perfettamente sterilizzato?

I bambini sono vulnerabili ai germi che nel migliore dei casi possono causare vomito e diarrea, ma anche generare pericolose patologie croniche. Questi germi possono facilmente svilupparsi nel latte, rendendo i bambini esposti a varie malattie. Ciucci e biberon, tra l’altro hanno fessure e angoli che possono consentire al latte di accumularsi. Il modo migliore per assicurarsi che siano privi di batteri nocivi, è di utilizzare uno dei migliori sterilizzatori disponibili in commercio.

Gli esperti di pedagogia raccomandano di continuare a sterilizzare le bottiglie del bambino fino a quando non ha compiuto almeno un anno. Una volta che ha raggiunto i sei mesi e ha iniziato a mangiare cibi solidi, puoi provare a incoraggiarlo ad usare un bicchiere o una tazza per il suo latte.

Questi sono più facili da pulire e non devono essere sterilizzati. I bicchieri e le tazze sono anche migliori per i denti del tuo piccolo rispetto ai biberon, e puoi  semplicemente lavarli in acqua pulita, saponata, calda, insieme al cucchiaio, ai piatti e alle ciotole. Se poi desideri utilizzare una lavastoviglie, assicurati che gli articoli del bambino siano lavabili in questo elettrodomestico e alla fine asciugali bene.

 

 

Le varie tipologie di sterilizzatori

In commercio esistono diversi tipi di sterilizzatori, ed ognuno con una caratteristica specifica a seconda del brand che li propone.  Lo sterilizzatore elettrico del tipo 3-in-1 di Philips AVENT, utilizza ad esempio il vapore per eliminare i batteri e i germi che possono essere presenti nel biberon del bambino.

Alcuni sterilizzatori li deodorano anche,  e sono in grado di ospitare più di un pezzo contemporaneamente. Il processo di sterilizzazione in genere è molto veloce, stimato quindi in circa 10 minuti. Tuttavia, quelli più costosi e capienti essendo anche voluminosi  potrebbero richiedere più spazio sul piano di lavoro.

 

Un altro tipo di sterilizzatore per biberon, è quello che prevede l’uso esclusivo di un forno a microonde. Anche  in questo caso la sanificazione avviene tramite il vapore caldo, in quanto è risaputo che è in grado di eliminare al 100% batteri e germi nocivi.

Per usare questo tipo, dovrai tuttavia mettere il biberon nel contenitore, aggiungere abbastanza acqua ed inserirlo poi nel forno a microonde. Fatto ciò il tempo sufficiente per ottenere una perfetta sterilizzazione è più rapido rispetto a quello necessario quando si usano i suddetti  tradizionali modelli elettrici e a vapore. In genere bastano soltanto 5 minuti per ottimizzare il risultato.

 

 

Gli sterilizzatori a freddo

Oltre agli sterilizzatori a vapore acqueo, sia del tipo elettrico che da usare nel forno a microonde, esistono anche dei modelli che si possono utilizzare a freddo, anche se tecnicamente rientrano nella suddetta categoria a vapore.

Dal punto di vista della funzionalità questo sterilizzatore compie la sua azione sanificante grazie all’utilizzo di alcuni specifici prodotti  chimici che in commercio e nelle farmacie, sono disponibili sia liquidi che a pastiglie. Questo tipo di sterilizzatore tra l’altro ha dimensioni decisamente più compatte e non ha bisogno di alcuna fonte energetica. Questo apparecchio nasce dunque per soddisfare le esigenze di chi necessita usarli all’aperto, oppure per pulire il biberon oil ciuccio quando si viaggia in macchina o in treno.

 

Il suo peso leggero proprio per la mancanza di un apparato elettrico, lo rende maneggevole e versatile, anche se ha dei lati negativi che ci sembra doveroso citare. Per fare un esempio va detto che ci sono una serie di fattori che confermano questa tesi.

Il primo riguarda il tempo necessario per la sterilizzazione, che è di gran lunga superiore a quello del metodo a caldo, metodi a caldo, mentre il secondo riguarda l’uso di sostanze chimiche che oltre ad aggravare la spesa, lasciano a giusta ragione anche dei dubbi sulla loro effettiva natura; infatti, potrebbero se non risultare tossici almeno creare problemi al bambino come ad esempio allergie o irritazioni del cavo orale.

Tuttavia va sottolineato che i brand produttori tra i più affermati garantiscono che non ci sono controindicazioni in merito all’uso di queste sostanze chimiche, provandolo con il risultato fornito dai test specifici effettuati presso presidi medico-ospedalieri di rilievo internazionale.

 

Cosa cercare in uno sterilizzatore per biberon?

Cercare il miglior sterilizzatore per biberon può essere difficile, poiché in commercio ce ne sono davvero tantissimi, e quindi potresti avere delle notevoli difficoltà. Per aiutarti a scegliere l’elemento giusto per la pulizia degli articoli del tuo bambino, ecco due importanti fattori che vale la pena prendere in considerazione.

 

1 – La capacità

Se desideri che lo sterilizzatore sia abbastanza grande da contenere sia il biberon che altri pezzi, l’acquisto di un modello più grande a vapore e per il microonde, può risultare la scelta migliore poiché consente di pulirne molti contemporaneamente e riducendo il carico di lavoro. Un modello che è conforme a queste caratteristiche è sicuramente quello recensito ovvero il modello Philips Avent SCF281/02

2 – La facilità d’uso

La semplicità d’uso è un altro importante fattore da considerare all’atto della scelta di un sterilizzatore per il biberon ed altri accessori di un bambino. Gli sterilizzatori elettrici sono spesso facili da usare, ma se poi ci sono tanti pulsanti da pigiare o istruzioni un po ‘confuse, allora considera di soprassedere a questo modello e vai avanti nella ricerca di quello giusto.

 

3 – Le altre utili funzionalità

Mentre da un lato gli sterilizzatori a vapore da inserire in un  microonde sanificano  velocemente un biberon, dall’altro lo consegnano  bagnato. I genitori dovranno quindi asciugarli dopo averli estratti dal fornetto, il che aggiunge ulteriore tempo e lavoro. Alcuni sterilizzatori sono dotati quindi di una funzione di asciugatura.

Se poi viaggi spesso e vorresti orientarti su uno sterilizzatore che sia allo stesso tempo economico, di dimensioni e luce ridotte, ed ideale per una facile trasportabilità, allora anche questo fattore devi seriamente prenderlo in considerazione visto che in commercio diversi brand ne propongono alcuni che hanno i suddetti  requisiti.