Miglior portabici da tetto del 2021

Ecco la classifica dei migliori prodotti per la categoria Portabici Da Tetto:

CAM 1231 Portabici da Tetto: si tratta del più acquistato, ha ottenuto una recensione media di 3,6 con 83 recensioni

Thule 532 New Freeride - Portabici: medaglia d’argento per questo prodotto

Peruzzo Portabici da Tetto Modena 318: terza posizione per questo prodotto, con una recensione media da parte degli utenti di 3,9 con 410 recensioni
Bestseller No. 1
CAM 1231 Portabici da Tetto, Doppio Pomello, Nero
83 Recensioni
CAM 1231 Portabici da Tetto, Doppio Pomello, Nero
  • Adattabile a porta-tutto con sezione massima della barra di 48 mm
  • Con doppio pomello
  • Previsto per una bicicletta
  • Adattabile a tutti i modelli di biciclette
  • In acciaio verniciato nero

Recensioni del prodotto

Buon portabici, sicuro e a costo economico, con qualche piccolo problema tecnico
Ho montato il porta-bici su di una Ford Focus Station Wagon del 2017, munita di barre portatutto Farad New Iron. Spedizione: rapida e puntuale, ben imballata e articolo arrivato integro, senza danni o difetti. Sicurezza: ho fatto un viaggio di circa 300km portando una mountain bike da bambino e rispettando il limite di 130km/h indicato nel manuale: non c’è stato alcun problema, siamo arrivati a destinazione senza imprevisti. L’attacco che si fissa al tubo obliquo della bici tiene bene, di grande sicurezza, visto che avvolge completamente il tubo obliquo stesso. I cinghietti di ancoraggio delle ruote sono solidi, sicuri e funzionali. Montaggio: è abbastanza semplice. L’unica piccola problematica potrebbe essere legata all’attacco posteriore alle barre portatutto. Nel caso della mia macchina la forcella ad U di fissaggio è piuttosto lunga e ciò costringe a fissare il portabici, sulle barre della macchina, solo lateralmente. Se si volessero montare 3 di questi porta bici quello centrale non si potrebbe fissare perché la forcella toccherebbe il tetto della macchina. Comunque, se servono uno o due portabici, non ci sono problemi se questi sono fissati lateralmente. Eventualmente, sarebbe utile dotare il portabici di uno spessore ad hoc per evitare che la forcella sporga troppo sotto le barre, toccando così il tetto della macchina. Il fissaggio posteriore alla barra portatutto della macchina è laborioso perché la forma della placchetta che si mette sotto la barra impedisce di far ruotare la chiave inglese e quindi ho dovuto usare una pinza a punte sottili. Sarebbe stata più funzionale una placchetta piatta e non a U capovolta, come quella in dotazione.
Buon rapporto qualità-prezzo.
Pagato 20 euro, fa il suo dovere in modo ottimo. Purtroppo ci vuole un po' sia per montarlo che per fissare la bici, ma funziona egregiamente. Ci ho fatto 100 km per 2 volte ad una velocità massima di 130 km/h (consigliata dalle istruzioni) e non ho avuto problemi. Consiglio di applicare dei fogli in schiuma tra la morsa e il telaio della bici.

Acquista su Amazon
Bestseller No. 2
Thule 532 New Freeride - Portabici
  • Capacità di carico: 17 kg
  • Peso: 3.5 kg
  • Per telaio a tubi tondi: 22-70 mm
  • Per un telaio a tubi ovali di dimensioni massime: 65x80 mm
  • Compatibile con canaline a T: Sì

Recensioni del prodotto

molto semplici
Io l'ho montato sulle wingbar e quindi ho usato le viti che si agganciano sulle barre.prima di montare controllare il lato dove si montano e montare le chiusure di conseguenza altrimenti saranno interne e si avrá difficoltà a bloccare la bicicletta,vista la altezza da terra come nel mio caso che ho un suv.controllare sul sito la compatibilità con le vostre barre.se le avete o se ne dove compare di nuove.buon viaggio a tutti
Portabici Thule 532 New Freeride: miglior rapporto qualità prezzo assoluto
Come faccio sempre, prima di acquistare qualcosa, mi documento, leggo recensioni e mi guardo intorno cercando di capire cosa hanno acquistato amici e/o conoscenti, per valutare anche visibilmente e materialmente il prodotto. In questo caso la scelta è stata obbligata, perché la concorrenza, se da una parte consente di risparmiare soldi, dall'altra comporta inevitabilmente la rinuncia a qualcosa, che riguardi la funzionalità generale o la qualità dei materiali e di conseguenza garantire minore sicurezza. Passiamo ora alla descrizione del portabici. Si capisce subito che gli svedesi badano al sodo, basta aprire la scatola: tutto perfettamente imballato e protetto in modo da evitare ammaccature durante il trasporto. Le istruzioni, anche in italiano, sono comprensibili e corredate da utili disegni dei passaggi più importanti. Durante l'assemblaggio (facile e abbastanza veloce), va prestata attenzione al posizionamento dei meccanismi di chiusura, in tutto quattro di cui solo due con chiusura di sicurezza con chiavi a corredo (due repliche uguali, una da tenere magari unita al portachiavi dell'auto e l'altra di riserva nella malaugurata ipotesi si perda la prima), perché quelli con serratura (da applicare girando al chiave durante l'inserimento nei meccansimi di chiusura) vanno posizionati correttamente come da istruzioni grafiche del manuale (uno alla basetta scorrevole del portabici e uno alla staffa doppia ruotabile), per evitare per esempio che sulla pinza che va a bloccare il tubo obliquo inferiore del telaio della bicicletta, venga inserito uno dei bloccaggi senza chiave, poiché in tal caso sarebbe facile per un ladro aprirlo e rubare la nostra bici!!! L'istallazione del portabici su barre portatutto Thule è veloce e sicuro: si fissa facendo scorrere la testa dei bulloni a sezione quadrata (attenzione, non quelli a "T" che servono per gli agganci universali), avvitati sotto la base, all'interno delle guide delle barre stesse. Il Freeride 532 si adatta comunque a tutti i tipi di barre, anche non Thule, poiché nella confezione sono presenti degli attacchi universali con agganci tipo tappo meccanico avvitato su dado a farfalla. La pinza di aggancio e sgancio rapido è regolabile in larghezza e tutte le parti che vanno a contatto con la bici sono rivestite in gomma, in modo da evitare danneggiamenti. Thule inoltre fornisce due manicotti, che fanno da base di appoggio per il telaio quando è stretto nella pinza, di diversa larghezza (uno da 6 cm e uno da 9 cm circa) , in modo da ospitare mtb o e-bike con telai di diametro importante. Le cinghiette per fissare le ruote al portabici, scorrevoli longitudinalmente per ospitare anche telai XL, sono in plastica morbida ed hanno una superficie liscia e una a cremaglieria, tipo le fascette per elettricisti e meccanici, ma chiaramente reversibili, molto pratiche nell'utilizzo, vanno passate sopra i cerchi, inserite nell'asola di bloccaggio e poi alloggiate nel passante posto inferiormente. Il tutto, una volta serrati gli agganci, ha un aspetto molto solido e rassicurante. Chiaramente il Freeride 532 è omologato TUV e CE e conforme alle norme City Crash. Unica raccomandazione che mi sento di fare nell'utilizzo dei portabici in genere, è quella di fare attenzione all'altezza complessiva auto+portabici+bici che in caso di SUV o monovolumi può raggiungere quote importanti e provocare rischi di impatto con strutture segnaletiche stradali e sottopassaggi particolarmente bassi. Con questo è tutto. Se avete bisogno di ulteriori informazioni o consigli, non esitate a chiedere!
Ottimo
Recensisco insieme quattro portabici, tre da tetto: Thule 532 New Freeride (preso su Amazon) Menabo Huggy Lock (Amazon) Decathlon Montblanc (negozio Decathlon) e uno da portellone: Peruzzo Verona (supermercato Auchan) Il Thule è quello costato di più (poco meno di 54 €), ma è di gran lunga il migliore, sia per la qualità del materiale che per le soluzioni adottate (agganci rapidi per le barre, cinghiette di gomma dentata per le ruote, aggancio rapido per il tubo della bici). L'unica accortezza riguarda l'attacco del tubo della bici, che va regolato con una certa attenzione, altrimenti è troppo duro da aprire (le prime volte ci ho perso un po' di tempo prima di riuscirci). Il Menabo ed il Decathlon sono sostanzialmente equivalenti, come materiale e soluzioni: fanno il loro lavoro, si presentano un po' più "poveri" del Thule (ma la sicurezza è comunque garantita), richiedono un po' più di tempo nel montaggio, sia del portabici che della bici, ma tutto sommato vanno bene. Il costo, per entrambi, intorno ai 30 € (ciascuno). Il Peruzzo è quello che permette il montaggio più comodo e veloce della bici, che però quando è montata non permette l'apertura del portellone (cosa invece possibile con il solo portabici). In teoria ha tre posti, che però si possono sfruttare solo con auto che hanno il lunotto molto verticale; io l'ho utilizzato con una sola bicicletta. E' opportuno utilizzare un elastico per fissare tra loro le ruote, perché altrimenti nel viaggio continuano a girare; nulla di grave, solo che mi capitava di vedere nello specchietto dei movimenti che mi distraevano. Riguardo la sicurezza, nulla da dire: abbiamo viaggiato con quattro bici (tre sopra e una dietro) su una Citroen Xsara Picasso, portando una velocità in autostrada fino a 120 Km/h, senza nessun problema, a parte i fischi aerodinamici. I consumi, a queste velocità, aumentano un poco. Per un uso intenso io raccomanderei il Thule; per uno più sporadico il Decathlon ed il Menabo vanno comunque bene. Per una bici singola vince il Peruzzo, perché è molto più agevole nell'utilizzo.

Acquista su Amazon
OffertaBestseller No. 3
Peruzzo Portabici da Tetto Modena 318, Nero, 1 Bici
410 Recensioni
Peruzzo Portabici da Tetto Modena 318, Nero, 1 Bici
  • Portaciclo da tetto verniciato nero con sistema di attacco al telaio che copre tubi tondi fino a 60 mm e tubi ovali fino a 60x100 mm
  • Binario in due pezzi per ridurre al massimo i costi di trasporto e di immagazzinamento
  • Confezione compatta in termoretraibile
  • Cinghie testate per una tenuta a 150 kg di sforzo ciascuna
  • Dotato di cinghia di sicurezza

Acquista su Amazon