Home / Salute e bellezza / Cura della persona / Il miglior fornetto per unghie del 2018

Il miglior fornetto per unghie del 2018

Le lampade Led o UV, che sono più comunemente conosciute come fornetto per unghie, sono un indispensabile accessorio da lavoro per indurire e polimerizzare i gel o prodotti liquidi nelle varie fasi di ricostruzione delle unghie; vengono infatti utilizzate dai professionisti della nail art per rifinire il loro lavoro.

Se ti piace prenderti cura delle tue mani in autonomia e stai pensando di acquistare un fornetto per unghie, noi ti consigliamo questi prodotti:

  1. SUNUV SUN8 Lampada unghie, il migliore acquisto del 2018, perfetta anche per uso professionale;
  2. Abody lampada unghie professionale, uno dei modelli più versatili del mercato, efficace con gli smalti e delicato sulle mani;
  3. Elyseer Lampada UV professionale, il fornetto con il migliore rapporto qualità/prezzo.

SUNUV SUN8 Lampada Unghie, il migliore acquisto del 2018

SUN8 è la nostra prima scelta fra i fornetti per unghie perché progettato per la piena soddisfazione dell’utente. Come dimostrano le tante, positive recensioni, si tratta di un prodotto di ottima fattura, facile da utilizzare e che incontra perfettamente le aspettative di chi lo acquista.

Queste le sue principali caratteristiche:

  • Asciugatura intelligente di smalto in gel per ricostruzione, perfetta per tutti i tipi di smalto, in gel UV e LED;
  • Asciugatura intelligente a doppia lunghezza d’onda, 365 nm + 405 nm, per ridurre i tempi di asciugatura dle 60%;
  • Funzione memoria tempo intelligente, che ti permette di settare la temperatura una sola volta e poi procedere con l’uso tutte le volte che vorrai;
  • Struttura adatta per mani e piedi; la sua ampiezza consente di asciugare contemporaneamente tutte e 5 le unghie della mano;
  • Display tempo digitale intelligente, che ti permette di impostare l’asciugatura per 30, 60 o 90 secondi;
  • Grande schermo LCD, per mostrare timer;
  • Protezione sovra-temperatura intelligente, grazie al chip di controllo che mantiene costante il livello di temperatura, intervenendo nei periodi di utilizzo lunghi;
  • Dimensioni: 22 x 14 x 8,5 centimetri.

Conclusioni

SUNUV SUN8 è la nostra scelta come migliore fornetto per unghie perché versatile e capace di prestazioni a livelli professionali. Sicuro, delicato sulla pelle della mano, asciuga qualsiasi tipo di smalto; il grande vantaggio di questo prodotto è che non dovrai mai cambiare le lampade all’interno, grazie alla tecnologia della luce bianca LED che ha una durata altissima.

Fornetto Unghie Professionale Abody, tecnologia innovativa con un occhio per la tua salute.

Questo fornetto ha 2 diverse impostazioni di energia: quella da 24 W e quella da 48 W, che possono essere anche combinate. Inoltre, è possibile impostare il tempo di asciugatura a 5, 30 o 60 secondi. La lampada può essere azionata anche automaticamente, inserendo la mano nel fornetto senza premere alcun pulsante; la durata massima di attività è di 120 secondi.

Ha una tecnologia innovativa di una sorgente di luce doppia, che copre una gamma più ampia della banda ultravioletta, per essere efficace su vari tipi di smalto.

Queste le caratteristiche:

  • Asciugatura rapida di tutte le dita della mano insieme;
  • Tecnologia a doppia sorgente luminosa, per asciugare qualsiasi tipo di smalto anche UV;
  • Dissipazione del calore attraverso i fori, per evitare temperature eccessive all’interno;
  • Sensore automatico di accensione e spegnimento;
  • Pannello riflettente magnetico facile da smontare e ripulire.

Conclusioni

Se sei alla ricerca di un fornetto per unghie che ti garantisca prestazioni ai livelli di quelle dei saloni di bellezza, la lampada Abody è quello che fa per te. Buon rapporto qualità/prezzo, asciuga tutti gli smalti, facile da utilizzare e trasportare anche in viaggio. Uno dei grandi vantaggi di questo modello è la facilità con cui si può pulire. Le sue dimensioni ridotte, invece, possono rivelarsi uno svantaggio se mani e piedi di chi lo utilizza sono particolarmente grandi.

Elyseer fornetto UV professionale, la scelta economica

Elyseer offre un prodotto base con buone prestazioni per un utilizzo casalingo del più classico dei fornetti per unghie. A differenza di altri modelli, più accessoriati, non è dotato di display al LED per la lettura del tempo, ma possiede comunque tutte le caratteristiche necessarie:

  • Lampada UV;
  • Potenza 36 W;
  • Corpo in ABS con 4 bulbi da 9 W;
  • Timer a 120 secondi con la possibilità di utilizzare anche l’interruttore manuale;
  • Interno specchiato con superficie riflettente per massimizzare il risultato;
  • Lampada con funzione continua per uso prolungato della lampada;
  • Dimensioni: 24 x 22 x 10 centimetri;
  • Alimentazione 220-240V.

Conclusioni

Il fornetto per unghie Elyseer è, a nostro avviso, uno dei modelli più interessanti attualmente disponibili in commercio. Si colloca in una fascia di prezzo medio-bassa, ma presenta una buona struttura che lo rende leggero e maneggevole ma allo stesso tempo stabile. Se stai cercando un prodotto con un buon rapporto qualità-prezzo, con cui realizzare a casa ricostruzioni, nail art e decorazioni dall’aspetto professionale, questo è sicuramente l’acquisto giusto. Il punto debole è che funziona unicamente su gel e smalti semipermanenti per UV, mentre non può trattare prodotti per LED.

Il fornetto per unghie: come funziona

Abbiamo già detto che la lampada, o fornetto, per le unghie ha la funzione di far seccare ed indurire gli smalti applicati. Il termine corretto in realtà è polimerizzare, ovvero far si che le molecole a basso peso (monomeri) si uniscano per formare una molecola plurima (polimero), ad alto peso molecolare. In parole povere, fanno si che le sostanze fotosensibili di cui sono fatti smalti e gel diventino dure e resistenti, e diano vita a quegli splendidi effetti di decorazione a cui siamo abituati.

I fornetti UV per unghie attualmente più diffuse in commercio, usate anche da professioniste del settore, hanno una potenza di 36 W. Al loro interno, sono posizionati dei bulbi (almeno 4) d 9 W ciascuno, che emanano raggi ultravioletti di tipo A, quelli meno nocivi per i danni alla pelle. Grazie all’opera congiunta dei fasci luminosi prodotti da questi bulbi, gel e smalti impiegano pochissimo tempo, dai trenta secondi ai due minuti, a completare la trasformazione molecolare necessaria all’indurimento. Generalmente i bulbi hanno una durata di circa 1.000 ore, che per chi è interessato a farsi manicure in casa è moltissimo, in quanto l’applicazione di gel non viene fatta ogni settimana; trascorso questo tempo i bulbi, facilmente reperibili in commercio, devono essere sostituiti, soprattutto se ad un controllo visivo risultano anneriti. Il prezzo di aggira tra i € 3,00 e i € 5,00 per bulbo, e sono reperibili anche online.

All’atto pratico, il funzionamento è semplicissimo e non richiede particolari attenzioni per l’installazione, in quanto basta collegare la presa alla corrente; dopo aver steso il trattamento estetico sull’unghia, che si tratti di smalto o gel per la ricostruzione, si accende la lampada e si inserisce la mano trattata all’interno per la durata indicata nelle istruzioni, che abbiamo visto essere variabile a seconda dei modelli. Questa stessa operazione va ripetuta ogni volta che viene fatta l’applicazione di prodotto, sia essa il secondo strato di smalto o le rifiniture e la decorazione per la nail art. Una passata, una sosta nel fornetto; questo vale anche per il top coat finale, che conferisce la lucidità all’unghia e crea un’ulteriore protezione per lo smalto applicato. Una volta terminata la sequenza delle applicazioni, il fornetto per unghie può essere pulito (un semplice panno asciutto per spolverare quando i bulbi sono freddi) ed essere riposto fino all’utilizzo successivo. Le manicure così realizzate durano circa due settimane, a seconda anche delle abitudini di ogni singola persona; trascorso questo tempo, la ricrescita dell’unghia dalla parte della radice inizierà ad essere evidente e si renderà necessaria una nuova applicazione.

Come scegliere un fornetto unghie

Che tu abbia intenzione di acquistare un fornetto per unghie per utilizzo professionale, o che tu sia alla ricerca di uno strumento da utilizzare in casa per la tua manicure, ti presentiamo una breve guida su quali sono i parametri da considerare prima dell’acquisto.

Lampade o bulbi

I fornetti per unghie si differenziano gli uni dagli altri soprattutto per la potenza dei bulbi che utilizzano. Quella più indicata, oltre ad essere quella più utilizzata, ha una potenza da 36 W. Questo significa che al suo interno si trovano quattro bulbi UV da 9 W ciascuno. Evita di scegliere una lampada che abbia meno di 4 bulbi, poiché questi di solito questi modelli non polimerizzano bene il gel, soprattutto non ti permettono di operare su più di un dito alla volta, allungando notevolmente i tempi di lavoro ed esponendo la tua mano per più tempo agli ultravioletti.

Timer

Scegli sempre un fornetto per unghie che sia dotato di un timer, almeno da 120 secondi. Infatti, devi sapere, se non ne sei già a conoscenza, che la maggior parte dei gel UV polimerizzano in 2 minuti circa. In questo modo puoi operare sulle unghie col tuo gel senza troppe preoccupazioni. Una lampada senza timer ti costringe a consultare continuamente un orologio e questo può rivelarsi una distrazione dal lavoro che stai facendo. Il fastidio di cronometrare ogni volta con il cellulare è improponibile, soprattutto se mentre stai aspettando lo scorrere dei secondi ricevi una telefonata!

Interruttore manuale

Alcuni gel, o alcune applicazioni particolari di nail art, necessitano di un tempo di esposizione più lungo di due minuti, per questo oltre al timer automatico è bene che il tuo fornetto sia anche dotato di un interruttore manuale per tempi di esposizione maggiori a quelli appena indicati.

Ricorda:è davvero importante rispettare i tempi di polimerizzazione dei vari gel, perché se restano sotto la lampada per troppo tempo, potrebbero indurirsi eccessivamente e non aderire in modo perfetto al letto ungueale, con conseguenti screpolature o, peggio, distaccamento. Ogni liquido o gel indurente, che sia per ricostruzione o semipermanente, di diverso produttore, ha un tempo di polimerizzazione differente dall’altro, per questo è bene leggere attentamente le indicazioni riportate sulla confezione ed attenersi rigorosamente ad esse.

Sicurezza

Accertati, prima di acquistare il tuo fornetto per unghie, che sia un prodotto certificato CE. Come gli esperti fanno notare, il mercato della cura della persona è pieno di prodotti economici, provenienti da altri paesi, che sono a volte di dubbia qualità. Ricorda sempre che, per quanto sicuro e per quanto minime siano, stai sempre esponendo il tuo corpo ad una radiazione UV, accertati dunque di utilizzare prodotti sicuri, garantiti ed efficaci.

I bulbi che si utilizzano comunemente nelle lampade UV hanno una durata media di 1000 ore, tantissime se pensi di farne un uso casalingo. Quando però questi si “scaricano” dobbiamo sostituirli con altri nuovi della stessa tipologia. In genere, chi utilizza la lampada UV per lavoro, sostituisce i bulbi ogni 600 ore e quindi circa due volte all’anno. Infatti, un fornetto con lampade UV funziona in modo perfetto solo se i bulbi sono carichi e perfettamente funzionanti.

Le lampade UV fanno male?

Fin qui abbiamo parlato di fornetti con bulbi UV utilizzati per l’asciugatura delle unghie, per cui viene spontaneo chiedersi: ma se da anni ci dicono di proteggerci contro i raggi ultravioletti, allora le lampade UV non faranno male?

Facciamo un piccolo ripasso su cosa sono i raggi UV. La luce è una radiazione elettromagnetica, che si contraddistingue per una lunghezza d’onda e una frequenza, che per certi intervalli da luogo allo spettro visibile della luce. Le frequenze che vanno prima del rosso sono dette raggi infrarosso, mentre quelle che superano le frequenze del viola sono dette ultraviolette. I raggi ultravioletti dannosi per la nostra pelle e da cui bisogna proteggersi sono Uv-A, Uv-B e Uv-C.

Tornando quindi alla nostra domanda, e tenendo presente che comunque abbiamo a che fare con una radiazione, la risposta non può che essere sì, le lampade UV sono dannose. Tuttavia, non vanno demonizzate come le lampade abbronzanti o come la diretta esposizione al sole senza le dovute precauzioni. C’è una radiazione e quindi un rischio, ma secondo recenti studi condotti dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli, la potenza delle lampade per asciugare le unghie è pari a quella che serve a sbiancare i denti e per entrambe il rischio è minimo.

In ogni caso, esistono in commercio guanti appositi che servono proprio a proteggere le mani dai raggi UV, lasciando scoperte solo le unghie. In questo modo il trattamento ricostruttivo o di nail art a cui sottoponi le tue unghie non potrà mai essere dannoso per la salute. Una ulteriore precauzione che puoi prendere è quella di non guardare direttamente la luce della lampada UV che viene emessa dai bulbi al suo interno, poiché i raggi sono dannosi anche per la vista.

Fornetti con lampade LED, sono più sicuri?

La ricerca tecnologica ha cercato di dare una risposta agli interrogativi relativi alla nostra salute attraverso l’immissione sul mercato di fornetti per unghie più sicuri: quelli a LED. Il funzionamento è esattamente lo stesso degli altri, solo che non funzionano con i tradizionali bulbi bensì appunto delle piccole luci LED. Attenzione: anche i fornetti per unghie a LED emettono raggi UV, ma esclusivamente quelli UVA e ad una frequenza quindi non dannosa per il nostro organismo.

Potrebbe quindi presentarsi l’interrogativo se sia meglio scegliere l’una o l’altra tecnologia. La risposta chiaramente non può non dipendere dalle tue esigenze personali: alcuni gel, infatti, solidificano solo se esposti ai raggi di una lampada UV, altri solo con lampade LED, altri ancora risultano efficaci con tutti e due i tipi di lampada.

Esistono però delle differenze tecniche tra i due modelli, di cui devi tenere conto prima dell’acquisto, relative principalmente ai seguenti fattori:

  • Tempi di polimerizzazione o solidificazione del gel: mentre con una lampada UV il gel indurisce in 120 secondi, nel caso di una lampada a LED, dotata di una frequenza diversa rispetto alle lampade tradizionali, anche 30 secondi possono essere sufficienti;
  • Manutenzione: dopo un certo numero di utilizzi (più o meno ogni 600 ore), i bulbi di una lampada UV tradizionale si anneriscono e vanno sostituiti con altri perfettamente carichi, mentre i LED sono molto longevi e possono durare per diversi anni con la stessa efficacia iniziale.
  • Costo: in base a qualità e potenza, il prezzo di una lampada UV tradizionale non supererà in genere le poche decine di euro, mentre le lampade a LED possono arrivare anche a costarne un centinaio; quest’ultimo fattore spesso funge da deterrente, perché non tutti sono disposti ad investire queste cifre.

Il costo di un fornetto unghie

Il prezzo di un fornetto per unghie varia in base a moltissimi fattori. Innanzitutto, può essere collegato al numero di bulbi che questo utilizza per funzionare e alla loro potenza, oltre che ai relativi ricambi. Sono, infatti, i bulbi la parte più costosa della lampada UV e anche quelli che devono garantire il migliore lavoro possibile. A seconda quindi del modello che sceglierai, potrai trovarti a pagare un costo variabile compreso tra un minimo di 25 euro fino a oltre 100 euro.

A seconda dell’utilizzo che intendi fare del tuo fornetto, potrai poi orientare la tua scelta verso un modello con caratteristiche semplici e basilari, oppure, se hai già una certa manualità e vuoi sperimentare di più, opta per modelli più avanzati. Un fornetto basic, con un semplice timer da 120 secondi e un tasto di On/Off, dotato di 4 bulbi da 9W ciascuno, può costare intorno ad una trentina di euro. Il costo aumenta se, ad esempio, aggiungi un timer che stacca ogni 30, 60, 90 o 120 secondi, oppure un display che ci mostra lo scorrere del tempo, allora il prezzo sale.